Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Lunedì 27 Febbraio 2017, ORE 08:50- Per San Valentino , primavera sta vicino.
UPDATED ON: Monday 27 February 2017, 10:50 Mecca time - 07:50 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Archivio eventi per il giorno 05/03/2017

L’ ANELLO DEL PINOT NERO
L’ ANELLO DEL PINOT NERO Passeggiata storico-naturalistica alla scoperta della Val Versa e del borgo di Soriasco, con visita alla cantina QUVESTRA e degustazione finale a base di vini e prodotti tipici DOMENICA 5 MARZO Ritrovo ore 14:00 presso Località Case Nuove 9, 27047 Santa Maria della Versa (PV) E’ una nuova e bellissima escursione alla scoperta della capitale dello spumante dell’Oltrepò Pavese quella che ci attende per il pomeriggio di domenica 5 Marzo 2017. Partendo dalla Tenuta Vitivinicola QuVestra, situata sulle colline di Santa Maria della Versa, visiteremo le spettacolari colline a vigneto di Pinot Nero che caratterizzano la zona in compagnia di guide locali che provvederanno a dare spiegazioni sulle caratteristiche ambientali e sulle tecniche colturali che permettono all’Oltrepò Pavese di essere la maggiore zona di produzione al mondo di pinot per base spumantistica dopo la Francia. Con un tragitto campestre di circa 2 km raggiungeremo il piccolo borgo di Soriasco, capoluogo della valle durante l’epoca d’oro dell’Oltrepò Pavese, il Medioevo. La località, il cui nome rivela le sue origini liguri, è situata su un colle dominante l’abitato di Santa Maria. Per la sua posizione strategica rispetto al confine con i territori di Piacenza, essa costituiva una tappa obbligata dei percorsi che collegavano la capitale del tempo, Pavia, ai ducati meridionali del Regno Italico attraverso le vie custodite dagli abati del potente monastero di Bobbio. Sebbene oggi rimanga solo una minima parte della possente fortezza e della cinta muraria con dodici torri che ne facevano “la perla della Valle Versa”, il borgo conserva un fascino particolare grazie al bellissimo panorama che lo circonda, tanto da attirare l’attenzione di diversi privati, tra cui personaggi del mondo dell’arte e della cultura, che hanno eletto Soriasco a loro buen ritiro, dando avvio ad un opera di restauro degli immobili storici. Grazie ad uno di questi, il professor Marchesi, ultimo discendente del ramo locale dei nobili Isimbardi, potremo visitare alcune parti della residenza realizzata sui resti dell’antica fortezza e ricostruire tramite il suo racconto l’antico aspetto del borgo e l’importanza di Soriasco nella storia e nell’economia della Valle Versa. Terminata la visita, si farà ritorno attraverso un percorso altermativo alla tenuta QuVestra, di cui si visiteranno le cantine e si degusteranno i vini in abbinamento ad una merenda a base di specialità del territorio. Sono necessarie scarpe comode ed abigliamento adatto ad un’escursione campestre. In caso di fondo bagnato si consigliano scarpe di ricambio. L’attività è a numero chiuso e soggetta a prenotazione entro venerdì 3 marzo presso i seguenti recapiti: Ass. Calyx, Tel. 3475894890 (Mirella) oppure 3495567762 (Andrea), e-mail: calyxturismo@gmail.com, Facebook: www.facebook.com/calyx.turismo Maggiori informazioni su: www.calyxturismo.blogspot.it


Classica: musiche di Tchaikovsky e Fanny Mendelssohn con la pianista Tatiana Larionova allo Spazio Teatro 89 di Milano
MILANO - Secondo l’antropologo francese Claude Lévi-Strauss, la musica è la “macchina per sopprimere il tempo” in virtù della sua capacità (magica? illusoria? illusionistica?) di creare una sfasatura tra la durata dell’esperienza e la sua percezione. La musica non è solo un’arte che vide di attimi fuggenti, ma rappresenta la nostra “quarta dimensione” con il suo scorrere inesorabile in tante memorabili realizzazioni, dai fasti barocchi delle Stagioni di Vivaldi alle arguzie della Pendola di Haydn e del Metronomo di Beethoven, fino agli inquietanti orologi raveliani e oltre. Nel concerto intitolato “As time goes by” in programma domenica 5 marzo (ore 17; ingresso 5-7 euro; tel: 0240914901) allo Spazio Teatro 89 di via Fratelli Zoia 89, a Milano, nell’ambito della rassegna di classica “In Cooperativa per Amare la Musica”, gli spettatori avranno la possibilità di ascoltare due delle più notevoli composizioni del pianismo romantico dedicate a questo argomento, ovvero “I mesi dell’anno” (Le Stagioni) di Tchaikovsky e il poco noto “Das Jahr” di Fanny Mendelssohn-Hensel. Oltre alla suddivisione in dodici brevi pezzi (più un Epilogo, in Das Jahr), le due raccolte condividono anche la delicatezza dei toni espressivi e la sottigliezza dei mezzi impiegati per rendere le atmosfere di volta in volta gioiose, sognanti o malinconiche e legate alle diverse occorrenze che il trascorrere del calendario porta con sé. Delicatezze e sottigliezze che richiedono una tavolozza timbrica ampia e duttile e, dunque, terreno ideale per un’interprete sensibile e introspettiva come Tatiana Larionova, esponente di spicco della scuola russa. Partecipa al concerto anche il mezzosoprano Külli Tomingas, con alcuni Lieder di Fanny Mendelssohn (tra cui una delle non poche versioni in musica del celeberrimo “Kennst du das Land” di Goethe) e due Romanze (da camera, ma di concezione vocale pienamente lirica) di Piotr Ilic Tchaikowsky. Il concerto è idealmente dedicato alle celebrazioni per la Festa della donna.


Sondaggio

Come sarà il 2017?

Migliore del 2016
Peggiore del 2016
Non so

Tutti i sondaggi

banner


banner