Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Domenica 22 Luglio 2018, ORE 09:20 - PROVERBIO: A luglio levati il corpetto e butta le coperte fuori dal letto.
UPDATED ON: Sunday  22 July  2018,  11:20 Mecca time  08:20 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

La Terra dallo spazio: il cuore dell'Asia centrale

(mi-lorenteggio.com) Parigi, 5 Novembre 2010 - Il cuore al centro di questa immagine è la visione dallo spazio del Piccolo Aral, il bacino nord del lago d’Aral, un tempo vibrante centro economico dell’Asia centrale.
 
Il lago d’Aral, una volta il quarto lago del mondo per estensione, si è costantemente ridotto negli ultimi 50 anni, da quando il corso degli emissari che lo alimentavano venne deviato per l’irrigazione.

Alla fine degli anni ottanta la quantità d’acqua rimasta ad alimentarlo era talmente esigua, che il lago, prosciugandosi, si è diviso in due bacini: il Piccolo Aral a nord, interamente nel Kazakistan, e il Grande Aral a sud, condiviso fra Kazakistan e Uzbekistan.

Nel 2000 il Grande Aral si è diviso a sua volta in due lingue: una ad ovest e una ad est, prosciugatasi del tutto lo scorso anno.

Nel 2005, per cercare di migliorare la gestione delle riserve d’acqua e invertire il disastro ambientale causato dall’uomo, è stata realizzata una diga fra i due bacini, che ha ricongiunto il Piccolo Aral con il suo affluente, migliorandone visibilmente le condizioni. Purtroppo l’intervento non sembra aver risolto il problema per il Grande Aral, che, infatti, si prevede scomparirà definitivamente entro il 2020.

L’area bianca visibile nell’immagine intorno al bacino è una vasta pianura di sale e minerali, risultato dell’evaporazione del lago, che si estende per 40.000 km quadrati e viene oggi chiamata deserto di Aralkum.

Ogni anno violente tempeste di sabbia sollevano almeno 150.000 tonnellate di sale e sabbia dal deserto di Aralkum e le trasportano per centinaia di chilometri, causando seri problemi di salute alle popolazioni locali e rendendo gli inverni più freddi e le estati più calde in tutta la regione.

L’immagine é stata acquisita il 24 luglio scorso dal sensore Thematic Mapper a bordo di Landsat-5, gestito dalla NASA e dall’Istituto Geologico statunitense (USGS). L’ESA supporta la serie Landsat come Third Party Missions, cioè utilizza le proprie competenze e l’infrastruttura di terra per acquisire, processare e distribuire agli utenti finali i dati dei satelliti Landsat.  

Redazione



La Terra dallo spazio: il cuore dell'Asia centrale
La foto

Tutte le gallery
Sondaggio

Russia 2018, voi finora quante partite avete visto in tv?

Una
Due
Tre
Quattro
Tutte

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20          

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner


banner