clicca per tornare alla pagina iniziale

Scrivici Contattaci
Pubblicità
Meteo
BENVENUTO 
Adv

 

LOCAL DIRECTORIES

Aeroporti
Fiera 
Hotels
Istituzioni
Provincia
Regione
Associazioni
Borsa
Cinema
Diocesi
Scuole
Lavoro
Biblioteche
Shopping
Teatri
Cucina
Lotto
Moda
Search
Edicola
Discopub
Trasporti
Sports
Salute

Foto& Video

 ABOUT US

MAPPE

FORUM

 WEBCAM
ANNUNCI
Adv

   
NEWS PER COMUNE
 

 

 

E-MARKETING
 

 

 

 
 
 
Tutta l'area di Milano ovest online
Aggiornato il 17 GENNAIO 2007 h. 16.49, PUBBLICATO IL 7 GENNAIO 2007

 MI-LORENTEGGIO.COM LIVE

VIDEO PRESTO ONLINE


 
Trovato in una cascina cesanese nel corso di un recupero edilizio
AFFRESCO DEL 500 RIPORTATO ALLA LUCE E RESTAURATO
Salvato solo grazie alla sensibilità del direttore lavori, geom. Mainardi
 
(mi-lorenteggio.com) - Cesano Boscone  17 gennaio 2007 -  Come già da anni vi documentiamo, le cascine dell'ovest di Milano nascondono segreti, storia e tradizioni, che in parte si riesce a recuperare e in parte no. Ciò dipende da molteplici vicissitudini nonchè dalla sensibilità e magnanimità delle persone, propense a salvare e recuperare questi beni.
Dopo gli affreschi di Robarello, il cui caso lo abbiamo ampliamente documentato,   questa volta ci occupiamo di un caso andato bene.

Questa volta, siamo a Cesano Boscone. Qui, nel rigoglio di ristrutturazioni, recuperi  e altro che hanno caratterizzato e ancora caratterizzano l'attività edilizia cesanese, particolare interesse ha suscitato il ritrovamento di un affresco in un edificio nell'ambito della Corte dei Galli, in fondo a Vicolo Cortuccio,  alle spalle del Centro Culturale Villa Marazzi, nel centro storico, sede della biblioteca e dell'aula consigliare.

Queste, un tempo, ambedue erano strutture,  sede e punto di riferimento di attività agricole che nei secoli passati e fino al secondo dopo guerra erano le principali risorse dei cesanesi, ma, principalmente dei proprietari terrieri.

Proprio nell'iniziare i lavori di recupero edilizio su un'ala della corte e dopo aver abbattuto un fienile ed iniziati i lavori di demolizione di un altro edificio adiacente, la cui struttura era fatiscente, il direttore dei lavori, Massimo Mainardi, si è reso conto che sulla parete interna di un muro, che stava per essere abbattuto, ci doveva essere qualcosa di interessante.

Dopo un'attenta analisi e valutazione, ha notato che sotto l'intonaco del  un muro vi erano delle figure. Così, ha deciso di fermare i lavori di demolizione di quella parete e, dopo aver scrostato parte dell'intonaco con molta delicatezza e attenzione,  ha avuto la certezza che ciò che vedeva erano parti di figure che dovevano far parte di un quadro più grande.
Per quanto riguarda l'affresco, si ipotizza che esso sia di scuola leonardesca;  ma, siccome della struttura e del suo proprietario si sa ben poco, se non attraverso i brani dell'affresco , si presume che lo stemma presente nel fregio sia da attribuire alla casata dei Brasca.

Pertanto, Mainardi, a sue spese, in quanto si è trovato di fronte ad un investimento non previsto, ha affidato il dipinto a due restaurtrici che hanno, poi,  provveduto a ripulirlo riportandone i colori quasi all'originario splendore, mentre lui ha provveduto a ristrutturare e riportando all'origine la parte della cascina interessata al recupero.

UN LIBRO

Così, Mainardi ha salvato l'affresco grazie alla grande professionalità delle sue maestranze e ha pubblicato un libro in edizione limitata nella quale viene descritto tutto il progetto del recupero. Recupero, avvenuto grazie alla preziosissima collaborazione di Francesca Boschetti,  di Gianpaolo Stranci, di  Elisa Maggini, (per lo studio e la conservazione del dipinto), di Giancarlo Chiabà (per le testimonianze storiche e le interessanti deduzioni stilistiche), di Giuseppe Beretta (per le testimonianze storiche), di Erminia Meazza (per le foto storiche introvabili), di Giancarlo Ballardini (per la ricerca dei documenti), di Don Peppino Ponti (per la gentile concessione delle immagini relative alla chiesa di Trezzano), di Amadio Facchini (per lo scambio di informazioni storiche), di Luigi Varini (per le informazioni relative alla chiesa di S. Giovanni Battista di Cesano Boscone), di Lorenzo Berardi, di Francesco Petralito, (coordinatore dei lavori di restauro conservativo).



V.A.

 

 

LINKS CORRELATI E APPROFONDIMENTI:

ARCHIVIO  VIDEO

In archivio:

GLI AFFRESCHI DI ROBARELLO

 

 

 GALLERIE

la foto del giorno

 MULTIMEDIA

I video del mese 
ANNUNCI CERCO OFFRO
INDEX ANNUNCI
•  Auto, camper
Varie
•  Antiquariato
•  Immobiliari
Computer, video e telefonia
Personali
INSERISCI
•  Regolamento e privacy
 
 

www.mi-lorenteggio.com -  Tang.O (Tangenziale Ovest Online) - Pensiero Globale, Realtà Locale
Quotidiano telematico  registrato presso il Tribunale di Milano n° 200 del 20 marzo 2006
Iscrizione Registro Operatori di Comunicazione: R.O.C. n° 13848 del 29/03/2006
Direttore Responsabile: Vittorio Aggio
Redazione e luogo di stampa: Via Dante, 17 - 20090 CESANO BOSCONE (MI) - Italy
 Per raggiungerci: satellitare  Lat.: 45°44'754'' North  - Long.  9°.09'277'' East - Alt.: 126 s.l.m
PER CONTATTARE LA REDAZIONE E PER INFORMAZIONI, CLICCA QUI 
Editore: Vittorio Aggio Communications - Copyright © 1999 -2006
Provider-distributore: Aruba S.p.A. - p.zza Garibaldi 8, Soci (AR)