clicca per tornare alla pagina iniziale

Scrivici Contattaci
Pubblicità
Meteo
BENVENUTO 
Adv

 

LOCAL DIRECTORIES

Aeroporti
Fiera 
Hotels
Istituzioni
Provincia
Regione
Associazioni
Borsa
Cinema
Diocesi
Scuole
Lavoro
Biblioteche
Shopping
Teatri
Cucina
Lotto
Moda
Search
Edicola
Discopub
Trasporti
Sports
Salute

Foto& Video

 ABOUT US

MAPPE

FORUM

 WEBCAM
ANNUNCI
Adv

   
NEWS PER COMUNE
 

 

 

E-MARKETING
 

 

 

 
 
 
Tutta l'area di Milano ovest online
Aggiornato il 17 gennaio  2007 h. 14.57

NAPOLITANO VISITA IL MEMORIALE DI MILANO
(mi-lorenteggio.com) - MILANO 17 gennaio '07 - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stato ieri pomeriggio a Milano, per la terza visita ufficiale nel giro di sei mesi,  per due appuntamenti ufficiali e un terzo in forma privata. Prima alla Stazione Centrale per la cerimonia della consegna alla comunità ebraica dei locali destinati al Memoriale della Shoah, poi, si è recato al Piccolo, in forma privata, per la prima del Ventaglio di Carlo Goldoni con la regia di Luca Ronconi e infine, si è recato alla Scala,  per il concerto in occasione del Cinquantesimo anniversario della morte di Arturo Toscanini diretto da Barenboim.

 

Il Presidente della Repubblica, Napolitano, con la moglie Cleo

 
In Centrale   ha voluto partecipare all'occasione della consegna Memoriale della Shoah. Napolitano dopo aver visto il binario 21,  sotto l'attuale, nascosto sotto nel lato Ferrante Aporti, dove si  caricavano di nascosto per mezzo di un elevatore,  i vagoni  con i deportati.

Letizia Moratti, sindaco di Milano e Filippo Penati, Presidente della Provincia


Entro il 27 gennaio, giorno della Memoria, sarà pronta la Fondazione, costituita dall’Unione delle comunità ebraiche, la comunità milanese, il Cdec, l’Associazione Figli della Shoah, la comunità di Sant’Egidio, il Comune di Milano,  la Provincia di Milano, Regione Lombardia  e le Ferrovie delle Stato.

 

Napolitano e la first Lady

Il Memoriale e la Fondazione.
Il “Memoriale della Shoah”, alla Stazione Centrale di Milano, sul luogo dove gli ebrei venivano caricati sui convogli per i campi di sterminio, è anche il nome ufficiale dell’omonima Fondazione che sarà costituita, entro la fine di gennaio, da 9 Enti: Comune di Milano, Provincia di Milano, Regione Lombardia, Ferrovie dello Stato, Comunità Ebraica di Milano, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, Associazione Figli della Shoah, Comunità di Sant’Egidio.
 
Un’istituzione culturale innovativa.
Il Memoriale non è stato pensato come un tradizionale museo, bensì come uno spazio vivo della città, aperto alla collettività, per insegnare il rispetto delle diversità e il valore della persona.
 
Una testimonianza del nostro passato.
Il luogo è rimasto identico a sessant’anni fa: qui erano preparati i convogli in cui venivano rinchiusi gli ebrei destinati ai lager. I vagoni venivano poi portati in superficie, a livello dei binari, con un ascensore e fatti partire dal tristemente famoso Binario 21.
 
Uno spazio per la documentazione storica.
Sarà creata una zona di documentazione storica con immagini e materiali provenienti dagli archivi del C.D.E.C (Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano), dalla Shoah Foudation di Steven Spielberg, dall'Istituto della Shoah Yad Vashem di Gerusalemme, dall'Istituto Anna Frank.
 
Milano e la Shoah.
Il luogo è unico in Italia e in  Europa perché è la testimonianza vivente dell’orrore della Shoah ed è il simbolo di una malvagità di cui gli autori era perfettamente consapevoli, tanto da agire di nascosto, in un sotterraneo. Questo spazio, rimasto intatto nel tempo, si caratterizzerà per una duplice valenza: da un lato il vero e proprio Memoriale, dall’altro una sorta di contenitore, luogo di ricerca e studio, ma anche punto d’incontro dinamico tra diverse realtà. L’iniziativa ha ricevuto il plauso del Premio Nobel per la Pace, Elie Diesel, che ha inviato un messaggio di sostegno al progetto.
 
 
 
Il progetto.
L’idea del Memoriale è nata quattro anni fa, quando la Comunità di Sant’Egidio, che da diversi anni commemorava con la Comunità Ebraica di Milano gli ebrei deportati nei lager, trovò un interlocutore ideale nell’Associazione Figli della Shoah che si è attivamente impegnata per preservare questo luogo. Il Comune di Milano ha sostenuto con entusiasmo l'iniziativa,  contribuendo alla futura creazione della Fondazione. Il progetto del Memoriale, che fu preparato dall’architetto Eugenio Gentili Tedeschi e dall’architetto Guido Morpurgo, è stato accolto con favore da vari istituti internazionali, che da anni si occupano della Shoah quali lo Yad Vashem, la Shoah Foundation, la Fondazione Anne Frank e dal Premio Nobel per la Pace, Elie Wiesel.
 
Il Binario 21.
È uno spazio di manovra di oltre 6.000 mq oggi dismesso, originariamente utilizzato per il carico e lo scarico dei vagoni postali, situato al di sotto del piazzale dei binari, compreso tra via Pergolesi e viale Brianza, con ingresso da via Ferrante Aporti. La caratteristica principale di questo luogo è la sua sostanziale invisibilità, condizione peculiare per la quale fu scelto dai nazifascisti per effettuare le deportazioni: introdotti con i camion provenienti dal carcere di San Vittore, i deportati venivano stipati su vagoni merci che, in attesa all’interno della “stazione invisibile”, erano sollevati al livello del sovrastante piano dei binari, agganciati ai convogli e inviati ai campi di sterminio, in particolare ad Auschwitz e Bergen Belsen.

 

VIDEO NEI PROSSIMI GIORNI

REDAZIONE



LINKS CORRELATI E APPROFONDIMENTI:

 GALLERIE

la foto del giorno

 MULTIMEDIA

I video del mese 
ANNUNCI CERCO OFFRO
INDEX ANNUNCI
•  Auto, camper
Varie
•  Antiquariato
•  Immobiliari
Computer, video e telefonia
Personali
INSERISCI
•  Regolamento e privacy
 
 

www.mi-lorenteggio.com -  Tang.O (Tangenziale Ovest Online) - Pensiero Globale, Realtà Locale
Testata  registrata presso il Tribunale di Milano n° 200 del 20 marzo 2006
Iscrizione Registro Operatori di Comunicazione: R.O.C. n° 13848 del 29/03/2006
Direttore Responsabile: Vittorio Aggio
Redazione e luogo di stampa: Via Dante, 17 - 20090 CESANO BOSCONE (MI) - Italy
 Per raggiungerci: satellitare  Lat.: 45°44'754'' North  - Long.  9°.09'277'' East - Alt.: 126 s.l.m
PER CONTATTARE LA REDAZIONE E PER INFORMAZIONI, CLICCA QUI 
Editore: Vittorio Aggio Communications - Copyright © 1999 -2006