Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Domenica 21 Gennaio 2018, ORE 14:40 - PROVERBIO:  La neve di gennaio riempie il granaio

UPDATED ON: Sunday 21 Jenuary 2018,  18:40 Mecca time 13:40 GMT -
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 10/02/2011 alle 12:55:53 in Politica

Cesano. Raimondo (PdL) attacca il Sindaco: "Parole, parole...soltanto parole!!!"



Riceviamo e pubblichiamo le aspre critiche di Santi Raimondo


img
Santi Raimondo, durante una manifestazione contro la navetta (immagine d'archivio)


(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 10 febbraio 2011 - Santi Raimodo ci scrive e attacca il Sindaco, ecco, le sue considerazioni:

PAROLE, PAROLE….. SOLTANTO PAROLE!!!!!

Parole, parole, soltanto parole…..vi ricordate? Era il ritornello di una bellissima canzone cantata qualche anno fa da Mina.

Parole, parole e ancora parole continua a propinarci il sindaco D’Avanzo attraverso le pagine di “Cesano Notizie”, il giornale pagato con i soldi dei cittadini.

Egli, sotto le sembianze di un novello riformista ci propugna una nuova “resistenza” per portare il Paese fuori dal tunnel nel quale siamo stati confinati.

Chiariamolo ancora una volta: la crisi economica e finanziaria non è stata provocata dal governo Berlusconi, ma è una crisi che viene da lontano e ha colpito tutto il mondo.

Nelle difficoltà, che hanno colpito tutti i paesi industrializzati del mondo, il nostro Paese ha retto meglio di altre nazioni, grazie agli interventi del governo di centrodestra che ha investito 10 miliardi di € per gli ammortizzatori sociali destinati alle fasce più deboli.

Inoltre le aziende italiane già nell’ultimo semestre del 2010, con buona pace dei disfattisti, hanno ricominciato a produrre profitti.

Se il Sindaco quando parla di tunnel si riferisce ad altri argomenti, gli ricordiamo che il gossip è stato ossigeno per il Partito Democratico, che altrimenti sarebbe morto per asfissia non avendo di che parlare, considerato che non è più capace nemmeno di vincere le primarie in casa propria.

Il Sindaco non avendo argomenti validi per difendere il suo operato di pessimo amministratore pubblico, continua ad accusare il PDL locale di non si sa quale colpa.

L’unica “colpa” del PDL a Cesano Boscone è quella di mettere in evidenza la realtà in cui vive la comunità e l’inefficienza del Sindaco e della sua amministrazione che governa il Comune.

A quasi due anni di distanza dall’insediamento della giunta D’Avanzo, come il PDL temeva, i problemi della città sono notevolmente peggiorati e alcune situazioni, sono esplose drammaticamente.

La piscina, poco dignitosamente inaugurata nel bel mezzo della campagna elettorale, giace ormai abbandonata.

Il fallimento del nuovo cimitero è stato evitato per ora, solo grazie ad una cospicua iniezione di denaro pubblico nelle casse della società che l’ha costruito e lo gestisce.

La scuola di musica, i cui lavori dovevano terminare nel mese di agosto del 2010, sono invece fermi da mesi a causa di un contenzioso tra l’impresa costruttrice e l’amministrazione comunale e non si sa se vedranno la fine.

L’area adiacente a piazza Moneta, di fronte all’Istituto Sacra Famiglia, che avrebbe dovuto essere riqualificata e restituita alla cittadinanza, giace nel più completo abbandono.

Il sindaco D’Avanzo ha collezionato una serie di fallimenti e di opere incompiute, con gravissimo danno per le casse del Comune e delle tasche dei cittadini.

Inoltre le condizioni ambientali e di vivibilità di Cesano Boscone sono notevolmente peggiorate: le strade e i marciapiedi sono intransitabili ai veicoli e ai pedoni, il parcheggio del centro storico nelle giornate di pioggia diventa un vergognoso pantano impraticabile, l’illuminazione pubblica non esiste più, la città è tutte le notti al buio in balia della criminalità; la manutenzione del verde è inesistente.

I trasporti pubblici sono insufficienti, mancano gli asili, manca una politica che aiuti le poche attività commerciali sopravvissute alla grande distribuzione, proliferata con la connivenza delle amministrazioni locali di sinistra che si sono succedute nel corso degli anni.

Il PDL, visto lo stato di degrado in cui versa la nostra città, invita i cesanesi a riappropriarsi della politica, a impegnarsi in prima persona, mettersi in gioco e conquistare la fiducia di chi è stanco di questa maggioranza.

Non rassegniamoci a morire sotto il “giogo” della sinistra che da 60 anni governa Cesano Boscone.

IL PDL ha le idee e la responsabilità di portare fuori dalle secche Cesano Boscone quando, presto crediamo, la giunta D’Avanzo arriverà al capolinea.


Cesano Boscone 10-02-2011 Santi Raimondo
Capogruppo del PDL

Redazione


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Come sarà il 2018?

Migliore del 2017
Peggiore del 2017
Non so

Tutti i sondaggi

banner


banner