Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Martedì 17 Luglio 2018, ORE 18:10 - PROVERBIO: A luglio levati il corpetto e butta le coperte fuori dal letto.
UPDATED ON: Tuesday  17 July  2018,  20:10 Mecca time  17:10 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 23/01/2016 alle 12:25:49 in Economia

GREEN ECONOMY. Gruppo Cap e Remade: al via un progetto pilota per il Green Public Procurement



All’indomani della pubblicazione della legge sulla Green Economy che rende obbligatori gli acquisti verdi, al via la sperimentazione tra Gruppo CAP, Remade in Italy e 8 Comuni della città metropolitana di Milano


img


Assago, 23.01.2016| Acquisti verdi obbligatori per tutti gli enti pubblici; è quanto prevede il cd. "Collegato ambientale" alla legge di stabilità pubblicato il 18 gennaio in Gazzetta Ufficiale. Un obiettivo ambizioso che Gruppo CAP ha subito raccolto scegliendo come suo partner Remade in Italy, associazione leader nella certificazione dei prodotti ecosostenibili e nella consulenza per gli appalti pubblici verdi. Il Progetto pilota, partito già dal mese di dicembre, coinvolge 8 Comuni della città Metropolitana che, insieme a CAP e Remade, hanno intrapreso un percorso che li porterà a rendere operativi gli acquisti verdi già in sei mesi.
 
“Da tempo il Gruppo CAP ha fatto della sostenibilità uno dei suoi valori fondanti - spiega la vicepresidente di Gruppo Cap Eva Imparato – Proprio in occasione della conferenza sul clima di Parigi abbiamo lanciato il programma “CAP 21”, assumendoci per tutto il 2016, specifici impegni per raccogliere la sfida del clima che cambia. E’ un modo concreto di rendere trasparenti e tangibili i risultati che il Gruppo intende raggiungere con il piano degli investimenti in termini di sostenibilità ambientale. E gli acquisti verdi vanno proprio in questa direzione. Per questo abbiamo pensato al progetto con gli amici di Remade. Il nostro ruolo di società partecipata interamente dai Comuni ci rende una società di rete capace di affiancare i nostri soci in una sfida così importante. Dal lato nostro abbiamo l’obiettivo di arrivare già nel 2016 tra il 60% e il 100 % di acquisti green per tutti gli acquisti, con il 100% sul fronte dei consumabili, illuminazione e IT.
                      
"Il provvedimento appena pubblicato era atteso da tempo - così Simona Faccioli, Direttore di Remade in Italy. Si tratta di una possibile svolta per l'ambiente, considerando il volume degli acquisti di tutte le pubbliche amministrazioni, e insieme una bella opportunità per le imprese della "Green economy". E' proprio su questi aspetti che Remade in Italy ha formato negli ultimi anni la sua esperienza, facendo accreditare il primo (e unico) schema di certificazione di prodotto ambientale riconosciuto da Accredia, relativo al contenuto di riciclato e la verifica della tracciabilità dei materiali nel processo produttivo. La pubblica amministrazione, dunque,  indica i requisiti ambientali che i prodotti devono avere; il prodotto certificato (e accreditato) porta già con sé la prova di avere i requisiti richiesti. In questo modo si completa il processo, con certezza del rispetto dei requisiti, evitando il rischio di "greenwashing", si semplificano le proceduresi consente alla PA di monitorare nel tempo le positive ricadute sull'ambiente".
 
Il progetto ha l’obiettivo di arrivare, al termine dei sei mesi di sperimentazione, ad un'adeguata formazione del personale delle amministrazioni e di CAP sugli obblighi imposti dalla normativa e alla predisposizione delle necessarie procedure di acquisto e di selezione di prodotti e servizi “verdi”, che hanno il minore impatto possibile sull’ambiente e sulla risorsa idrica in una logica di economia circolare. Otto i Comuni che hanno aderito volontariamente alla fase pilota: Abbiategrasso, Cesano Boscone, Cornaredo, Gorgonzola, Inveruno, Ossona, Segrate, Vanzago, per un totale di oltre 150.000 cittadini interessati.
 

Redazione

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Russia 2018, voi finora quante partite avete visto in tv?

Una
Due
Tre
Quattro
Tutte

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
    17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15      

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner


banner