Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Mercoledì 22 Novembre  2017, ORE 08:10 - PROVERBIO: Birichina in primavera, suora in autunno.
UPDATED ON: Wednesday 22 November 2017,  10:10  Mecca time - 07:10 GMT -
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 04/08/2016 alle 20:25:59 in Economia

Intervento a firma di Paolo Galassi, presidente A.P.I. Associazione piccole e medie industrie



Traccia un bilancio delle pmi del territorio tornando a rinnovare un appello alle istituzioni affinché vengano messe in campo azioni per rilanciare l’industria


(mi-lorenteggio.com) Milano, 4 agosto 2016 - Riceviamo e pubblichiamo:

L’imperativo è osare. Lo chiedono a gran voce le piccole e medie imprese che, a chiusura della prima parte dell’anno, sono convinte che studi e ricerche, pur con alcuni segnali positivi, non possano mascherare una lacuna importante: mancano ancora azioni per rilanciare l’industria. Quella vera. Quella che crea occupazione e che per gli ultimi anni ha tenuto e che, con grandi sacrifici, si è reinventata per esportare all’estero ed essere sempre più creativa e “intelligente”. Se i dati sono contraddistinti da un segno “più”, i numeri sono ancora troppo vicini allo zero. Cresce la sfiducia. Pesano l’esasperazione verso gli slogan e la poca concretezza, la poca reazione delle istituzioni verso campanelli d’allarme, l’incertezza e la paura di nuove manovre restrittive quando servirebbero solo azioni di rilancio. Per esempio, in un recente sondaggio dal titolo “Brexit e poi?” le piccole e medie imprese alla domanda “Quali azioni dovranno mettere in campo il governo centrale e le istituzioni locali per creare opportunità di sviluppo sul territorio italiano per le imprese che decideranno di investire nel nostro Paese?” il 90%, quindi la quasi totalità delle aziende manifatturiere che hanno risposto, ritiene essenziale l’istituzione di zone “free tax area” e l’introduzione di una semplificazione burocratica per i nuovi investitori, a dimostrazione che se il territorio vuole essere appetibile, per l’industria, ancora tanto deve essere fatto in ambito fiscale e di rapporti con la Pa. La difficoltà di accesso al credito, il peso degli adempimenti, il macigno fiscale che grava sulle aziende, l’incertezza delle regole sono ancora i nostri talloni di Achille. I proclami non servono a nulla. Né servono solo opere faraoniche. Tra le aziende associate, in provincia di Milano, ci sono, per esempio, imprese che ancora nel 2016 utilizzano a fatica internet e, quando un imprenditore solleva la questione nelle sedi competenti, si trova di fronte al classico scaricabarile. Come è possibile pretendere che una pmi sia competitiva se non può contare su un collegamento internet veloce per inviare dei documenti? Questo è solo uno dei casi registrati dall’associazione ma abbiamo raccolto numerose segnalazioni come quella di una azienda a cui ai clienti in visita venivano rubati i pneumatici. Il nostro tessuto imprenditoriale è forte anche perché gli imprenditori sono abituati “a fare”. Quando si trovano di fronte al procrastinare, agli slogan, all’impossibilità di risolvere anche le piccole cose, la voglia di chiudere è tanta. Eppure stanno accettando un’altra sfida, quella dell’Industry 4.0. A.P.I. ha recentemente istituito un osservatorio sul tema e uno sportello ad hoc. A breve daremo il via anche ai corsi. Perché se negli scorsi anni, ad agosto ci si augurava che la ripresa giungesse a settembre, ora non è più possibile posticipare. L’essere competitivi è da sempre il filo conduttore nell’agenda dell’imprenditore. Lo sia anche per quello di tutte le istituzioni.

 

Paolo Galassi, presidente A.P.I. Associazione piccole e medie industrie

 


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Voi vi fidate di più della Merkel o di Trump?

Merkel
Trump
Di nessuno dei due

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
      22 23 24 25
26 27 28 29 30 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21    

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner