Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Giovedì 23 Novembre  2017, ORE 09:35 - PROVERBIO: Birichina in primavera, suora in autunno.
UPDATED ON: Thursday 23 November 2017,  11:35  Mecca time - 08:35 GMT -
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 18/05/2017 alle 15:16:41 in Divertimenti

Il flamenco



Curiosità e storia


img


Milano, 18 maggio 2017 Che cosa ti viene in mente quando pensi al flamenco?

Sicuramente una danza travolgente, assoli di chitarre, eleganti ballerine in abito rosso che emergono dal buio e trascinano gli spettatori in un vortice di sensazioni.

Il flamenco è una delle manifestazioni artistiche più famose della Spagna ed è associato da sempre alla passione, alla sensualità e al ritmo.

I simboli del flamenco famosi nel mondo oggi sono le scarpe chiodate, le ballerine nel costume tipico di Siviglia, con scialle, ventaglio, nacchere e una rosa tra i capelli, ma in realtà il flamenco è molto di più.

Il flamenco come lo conosciamo noi è soltanto una delle espressioni di questo vero e proprio stile di vita, influenzato da molte culture.

Questo tipo di danza etnica affonda le radici nel passato della Spagna e nelle popolazioni che la hanno attraversata, ed oggi è uno dei balli più rappresentati al mondo.

Come te la cavi con lo spagnolo? Trova il tuo tutor su Preply

Conosci lo spagnolo? Immagina come sarebbe bello se potessi capire, almeno in parte, le parole dei canti che accompagnano i ballerini di flamenco.

Per imparare lo spagnolo castigliano o per padroneggiarlo al meglio, puoi seguire un corso individuale su Preply.

Preply è una piattaforma che ti mette in contatto con insegnanti madrelingua di spagnolo nella tua città, o a distanza, ad esempio via Skype, con corsi di lingue individuali e personalizzati per tutte le età, a prezzo conveniente. Rivolgiti ai tutor di Preply per trovare un insegnante spagnolo.

 

Le origini del flamenco

Il flamenco è una vera e propria forma d’arte, che nasce originariamente come canto senza strumenti.

È stata fortemente influenzata dall’arrivo dei gitani in Spagna intorno al 1400, ma le origini si perdono nella notte dei tempi e hanno influenze latinoamericane, in particolare cubane, ma anche arabe ed ebree.

Dalla semplice forma di canto senza strumenti, accompagnato dal battito delle mani, il flamenco si è evoluto con l’aggiunta di chitarre e altri strumenti musicali, come violini e percussioni, ed infine di ballerini.

Il flamenco è tipico delle regioni meridionali della Spagna, in particolare dell’Andalusia: i canti e le movenze venivano tramandati di generazione in generazione, e i ballerini interpretavano la musica senza una vera e propria formazione specifica.

Oggi invece è diventata una danza codificata ed esistono scuole e corsi di flamenco in tutto il mondo.

 

L’influenza dei gitani

Non sono certe le origini di questa parola, ma le fonti più accreditate sostengono che “flamenco” derivi dall’unione di due termini arabi: felag e mengu, che insieme significano “contadino senza terra”, in riferimento a nomadi gitani che provenivano dal Pakistan, e che nel corso delle loro migrazioni si stabilirono in Andalusia vivendo soprattutto di pastorizia.

Il flamenco risente infatti fortemente dell’influenza gitana.

La tradizione gitana interpreta il flamenco come una rivendicazione dei propri spazi e della propria identità, mettendo in musica la sofferenza e denunciando con fierezza e malinconia la loro condizione di perseguitati nel corso dei secoli.

Dal 1850 circa in poi, il flamenco ha varcato i confini della Spagna e oggi è famoso in tutto il mondo.

 

La magia del flamenco: l’espressione delle emozioni

Il flamenco è una danza all’apparenza istintiva, molto espressiva, passionale, simbolica.

Attraverso i movimenti del corpo, il battito dei soli tacchi, in spagnolo escobilia, e l’uso della nacchere, castañuelas, accompagnati da voce e chitarra, il ballerino interpreta una serie di emozioni.

Ci sono tantissimi stili diversi di flamenco, ma tutti hanno in comune l’obiettivo di intrattenere, emozionare, parlare con il corpo e con le espressioni del viso.

Gli stili del flamenco si chiamano “palos”, ne esistono oltre 90 e variano in base al contesto, alla musica, al ritmo.

Il ballerino di flamenco sente la musica e la esprime con movimenti precisi e definiti del viso, delle mani, di tutto il corpo, mantenendo il controllo costante sulla precisione dei movimenti, creando un contrasto tra la forza delle emozioni e la grazia con cui queste sono espresse.

Assistere a uno spettacolo di flamenco dal vivo è un’esperienza viscerale, da provare almeno una volta nella vita, perché il canto, la musica e la danza coinvolgono gli spettatori rendendoli parte attiva dello spettacolo.


Redazione


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Voi vi fidate di più della Merkel o di Trump?

Merkel
Trump
Di nessuno dei due

Tutti i sondaggi

banner


banner