Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Giovedì 19 Aprile 2018, ORE 23:10 - PROVERBIO:   April, apriletto, un dì freddo un dì caldetto.
UPDATED ON: Friday 20 April 2018,  00:10 Mecca time  22:10 MT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 01/06/2017 alle 08:13:29 in Attualità

FONDAZIONE MANTOVANI/SODALITAS: LE PROSSIME INIZIATIVE DELLA CASA FAMIGLIA DI BUSSERO



Domenica 18 giugno alle 15,30, presso la Casa Famiglia di Bussero di Fondazione Mantovani Sodalitas, si terrà la sfilata di abiti vintage giunta alla sua seconda edizione, un appuntamento particolarmente atteso dopo il positivo debutto dell'anno scorso


img


Domenica 18 Giugno presso la Casa Famiglia per anziani di Bussero si terrà la 2° edizione della “sfilata in Casa Famiglia”. Nel 2016 la prima edizione di questa manifestazione aveva come tema l’abito da sposa; quest’anno il tema centrale della sfilata sarà: “l’abito vintage”. Per chi non sapesse il significato della parola vintage, questa deriva dal francese antico vendenge (vendemmia), che a sua volta indica i vini d'annata di pregio. Oggi l'attributo vintage è usato per indicare oggetti vecchi almeno di 20 anni e diventati nel tempo di culto perché hanno segnato a tal punto il costume e la cultura da essere ancora considerati, dopo decenni, preziosi e inimitabili. Citando Roland Barthes* “il vestito è il momento in cui il corpo diventa significativo e lancia messaggi”. In fin dei conti,  i vestiti che scegliamo di indossare ogni giorno raccontano una storia, lo stato emotivo che stiamo vivendo, quindi le nostre emozioni. Gli abiti ci descrivono o meglio comunicano chi vogliano essere. Questo legame strettissimo tra noi e la nostra seconda pelle (i nostri abiti), porta inevitabilmente a parlare di noi, sia dal punto di vista personale sia dal punto di vista della società a cui apparteniamo. Indossare un abito porta con sé una storia, ogni periodo storico è di fatto rappresentato da uno stile nell’abbigliamento che ne racconta i cambiamenti, le paure e gli umori. La moda poi non fa altro che enfatizzare le tendenze elevandole a vere e proprie influenze di massa. Quante volte vedendo le nostre vecchie foto ci chiediamo stropicciandoci gli occhi: “ma sono io?” oppure “Oddio! Ma come potevo indossare questo!” ma è normale che sia così, la moda ci porta verso una scelta: l’imitazione , cioè l’adesione ai valori estetici di un gruppo sociale, oppure verso la differenziazione: essere unici, particolari, riconoscibili e ammirati. Qualsiasi siano o siano state le nostre scelte, gli abiti comunicano prima di noi, sono il primo messaggio.

 

*Roland Barthes: saggista, critico letterario, linguista e semiologo francese.


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Dopo il risultato elettorale, secondo voi, chi sarà il prossimo Premier?

Matteo Salvini
Luigi Di Maio
Non so

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
          20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19

Eventi del giorno


Segnala un evento
banner