Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO: Domenica 24 Settembre  2017, ORE 22:30 - PROVERBIO: Aria settembrina fresco la sera e  la mattina.
UPDATED ON: Monday 25 September 2017,  00:30 Mecca time - 21:30 GMT -
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 12/07/2017 alle 17:46:51 in Musica e Spettacoli

Il CETEC Dentro/Fuori San Vittore il 20 luglio con "Le sedie" all'Estate Sforzesca di Milano



Un Work in Progress teatrale contro la violenza di genere


img
Le sedie: il_coro (foto di Elena Savino)


(mi-lorenteggio.com) Milano, 12 luglio 2017 - Giovedì 20 luglio 2017 alle ore 21, all'interno dell'Estate Sforzesca, va in scena: “LE SEDIE”, un nuovo lavoro del CETEC Dentro/Fuori San Vittore in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità e Diritti del Comune di Milano.
“LE SEDIE” è un concerto di voci, un Work in Progress teatrale contro la violenza di genere, storie strappate alle cronache dei giornali, storie raccolte nelle case per donne maltrattate, storie di violenze a volte subite, a volte denunciate, restituite alla comunità in modo poetico, emozionante e musicale. Ci si trova di fronte a un Teatro d'Arte Sociale che si rivolge a un pubblico di tutte le età e, in particolare, ai giovani. Sulla scena una compagnia allargata che include in modo originale attrici detenute e non, musicisti e testimoni civili, creando un progetto in viaggio, replicabile e itinerante. Così la storica compagnia del CETEC Dentro/Fuori San Vittore coinvolge ne “LE SEDIE” anche giornaliste, psicologhe, avvocate, donne con sordità e rifugiate, cittadine, testimoni e "lettori" di alcune storie di violenza ma anche, e soprattutto, di storie di rinascita... Dopo la partecipazione della giornalista Livia Grossi al Prologo de “LE SEDIE” all'Edge Festival 2017, con una storia raccolta da una rifugiata africana; la coreografa Claudia Casolaro sarà la danzatrice ospite in scena il 20 luglio, interpretando coi movimenti la storia vera donata da una giovane sorda, Clarissa. “LE SEDIE”, vuote o occupate, danno così voce e “parlano” oltre le barriere, in modalità e linguaggi diversi per prevenire violenza e dare futuro, dando vita a uno spettacolo indirizzato a tutti. Un’azione di teatro alta perché comunitaria e artistica al tempo stesso. Lo spettacolo all'Estate Sforzesca e l'intero progetto si collega alla campagna nazionale #Postoccupato creata dalla giornalista siciliana Maria Andaloro e alla sedia vuota di Palazzo Marino voluta da Diana De Marchi, Presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti del Comune di Milano.

«Questo progetto nasce dal #Postoccupato che abbiamo portato anche in consiglio Comunale a Milano e, grazie al lavoro della regista teatrale Donatella Massimilla, delle attrici detenute di San Vittore, di artiste e artisti come Gilberta Crispino, Fabrizio Russotto, Marta Maria Marangoni, Claudia Casolaro, Alessia Punzo, insieme a psicologhe, giornaliste e cittadine, ci aiuta a raccontare, riconoscere e prevenire i maltrattamenti, le discriminazioni e le violenze ancora troppo diffuse su tutto il territorio nazionale», ha dichiarato Diana De Marchi, la Consigliera comunale e Presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti del Comune di Milano.                                                  



Donatella Massimilla (foto di Elena Savino)
                                                                               
«Partecipare a questa tappa dell'Estate Sforzesca de “LE SEDIE” vuol dire assistere alla partenza di un viaggio artistico e di testimonianza attiva contro la violenza di genere, dal cuore della città di Milano alle periferie, dal nostro territorio a quello nazionale, da nord a sud... contro la violenza non solo sulle donne, ma anche su tutti quegli uomini che non si sono mai riconosciuti nel ruolo di maschio più forte rispetto a un sesso più debole. Insieme, donne e
uomini, artisti e cittadini, per un voluto, necessario, originario, profondo, antropologico, radicale Cambiamento...». Ecco la dichiarazione di intenti della regista e direttrice artistica Donatella Massimilla.
Non poteva mancare in questa circostanza l'ApeShakespeare - To Bee or not to Bee,  prima ape car nazionale di street theatre e street food delle attrici cuoche ex-detenute di San Vittore, pronta a dar ristoro al pubblico presente con acque aromatizzate, bevande naturali e bio, stuzzichini.
“LE SEDIE - Work in Progress teatrale contro la violenza di genere”
Regia e drammaturgia: Donatella Massimilla Con Barbara, Cristina, Dana, Francesca, Mariangela, Renata, Stefania, Carolyne, Violeta Collaborazioni artistiche: Gilberta Crispino, Marta Marangoni, Paola D’Alessandro, Fabrizio Russotto, Alessia Punzo e con la partecipazione della coreografa e danzatrice Claudia Casolaro Esperte: Dorotea Ausenda, Cristina Perrilli, Renata Averna, Camilla Mele Musiche dal vivo a cura di Gianpietro Marazza e Paola D'Alessandro Esperta di Accessibilità: Martina Gerosa Assistente: Gaia Fossati
Sedie sceniche a cura di T12-lab Costumi a cura della compagnia, in collaborazione con Edge Festival 2017 Oltre le Barriere e ALTERMUSA Carcere e arti sceniche Si ringraziano Lady Lovers e Laura Chiossone autrice dello spot "Stand Against Violence" realizzato anche in supporto ai progetti del CETEC contro la violenza di genere.
ORARI: ingresso dalle h 20. Inizio h 21. PREZZI: biglietto unico 10€, acquistabile direttamente alla biglietteria presso l'ingresso principale del Castello. Per prenotazioni: organizzazionecetecedge@gmail.com

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Voi vi fidate di più della Merkel o di Trump?

Merkel
Trump
Di nessuno dei due

Tutti i sondaggi

banner

banner

banner