banner



Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Lunedì 25 Giugno 2018, ORE 17:25 - PROVERBIO: Giugno la falce in pugno.
UPDATED ON: Monday  25 June  2018,  19:25 Mecca time  16:25 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 17/09/2017 alle 15:28:17 in Ambiente

Primo giorno di caccia: Sud Milano e Rozzano, centinaia di controlli



"Migliaia gli animali uccisi o feriti, affollamento venatorio. Carnieri meno pieni rispetto allo scorso anno, tra danni alle colture e zoonosi"


img


(mi-lorenteggio.com) Milano, 17 settembre 2017 - Gli agenti, le istituzioni, i volontari e gli ambientalisti hanno setacciato tutto il sud Milano e Rozzano in occasione del primo giorno di caccia.

Fin dalle prime luci dell’alba le campagne del rozzanese e del sud Milano sono state setacciate dalle GEV, Guardie Ecologiche Volontarie della Città Metropolitana e dai volontari ambientalisti. Centinaia i cacciatori controllati. Migliaia i capi abbattuti, anche se i carnieri sono rimasti molto più scarni rispetto allo scorso anno, finanche a causa degli acquazzoni notturni che hanno fatto scappare e ricoverare gli animali. Tra Rozzano e Casarile sono stati segnalati spari illegali prima dell’albeggiare. La stagione venatoria 2017 sarà ricordata come la stagione delle malattie, delle zoonosi: dal botulino nella cava di Basiglio, all’influenza aviaria, fino alla mixomatosi dei conigli e delle lepri. Una strage avvenuta già prima dell’entrata in campo delle doppiette.

Danneggiate alcune colture a causa della pratica illegale della caccia alla lepre con l’auto a fari accesi lanciata nei campi di riso e soja. Penalizzate a Milano, nei pressi del depuratore di San Rocco, anche le coltivazioni di mais per la pessima abitudine (illegale) di alcuni cacciatori di invadere i campi coltivati.

Presidiatissimo per tutto il giorno a Rozzano il Parco delle Rogge e l’Oasi dello Smeraldino, fortunatamente, senza avvistamenti di doppiette.

A guidare i controlli nel rozzanese e in alcuni terreni limitrofi, l’Assessore all’Ambiente e Protezione Civile, Stefano Apuzzo, che ha dichiarato: “i cacciatori locali controllati, ovvero i residenti a Rozzano, Pieve Emanuele e Opera, erano tutti in regola. Ciò significa che le doppiette locali che conoscono il territorio, sono ossequiosi delle legge, mentre, in genere, quelle che provengono da lontano o da altri ATC (perfino da Bergamo e Brescia), hanno un approccio meramente predatorio e non sempre rispettoso delle normative. Resto comunque convinto che la caccia debba essere abolita e proporrò a Michela Vittoria Brambilla di farsi promotrice di un referendum abrogativo”.

La caccia in numeri. Scheda.

Quanto piombo riversano nell’ambiente i cacciatori bresciani e lombardi?
Una cartuccia contiene in media 32 grammi di piombo. I cacciatori della provincia di Brescia con licenza sono 35.000. Nell’ipotesi che ogni cacciatore spari, in una stagione venatoria, 400 cartucce, sarebbero 448.000.000 milioni i grammi di piombo sparsi sul terreno, ovvero 448 tonnellate di piombo, sufficiente ad avvelenare ampie porzioni di territorio, fiumi e laghi. Moltiplicando la quantità di piombo per i cacciatori della Lombardia abbiamo un dato impressionante.

In Italia i cacciatori sono 700.000. Se questo esercito si dispiegasse tutto insieme sull’ intero territorio nazionale, comprese città, laghi, fiumi e montagne, ogni chilometro quadrato ne ospiterebbe sei. E’ la densità più alta d’Europa. In Olanda e in Belgio ci sono 1,4 cacciatori per chilometro quadrato, in Germania 1,3, in Lussemburgo 1,2 e il valore medio dei paesi dell’Unione Europea (Italia esclusa) è di 2. 
Solo gli uccelli migratori uccisi ogni anno dai cacciatori italiani sono 150 milioni (contro 80 milioni in Francia, 50 in Spagna, e un milione in Danimarca). Esclusi gli uccelli migratori, il totale degli animali uccisi ogni anno in Italia raggiunge i 300 milioni.

 

Redazione


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Dopo il risultato elettorale, secondo voi, chi sarà il prossimo Premier?

Matteo Salvini
Luigi Di Maio
Non so

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
  25 26 27 28 29 30
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24        

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner


banner