Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Domenica 27 Maggio 2018, ORE 22:45 -  PROVERBIO: Né di Maggio né di maggione, non ti levare il pelliccione.
UPDATED ON: Monday  28 May  2018,  00:45  Mecca time  21:45 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 04/11/2017 alle 17:15:23 in Cronaca

Trezzano. Beni confiscati, inaugurata la “Casa Lea Garofalo”



Situata in via Donizetti sarà destinata ad housing sociale con un progetto rivolto a donne e bambini in difficoltà gestito dalla Cooperativa Sociale Ripari e rivolto a tutto il sud ovest Milano. FOTO E VIDEO INAUGURAZIONE E ALZABANDIERA


img


(mi-lorenteggio.com) Trezzano sul Naviglio, 4 novembre 2017 - Nel pomeriggio di oggi,  è stata alla comunità trezzanese la villa di via Donizetti 11 confiscata alla criminalità organizzata da oltre 25 anni. Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti le autorità civili e militari, associazioni, operatori sociali e studenti non solo della città, ma, di tutto il sud ovest Milano.
 



Tra i partecipanti, l’on. Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare antimafia e il consigliere regionale Gian Antonio Girelli, presidente della Commissione speciale antimafia di Regione Lombardia. “Invito tutti i cittadini a partecipare con noi all’inaugurazione di questo bene confiscato – aveva dichiarato nei giorni scorsi il sindaco Fabio Bottero – di cui siamo particolarmente orgogliosi ed emozionati. È la vittoria dello Stato sull’illegalità: laddove un tempo viveva una famiglia mafiosa, oggi ospiteremo un progetto di housing sociale di grande valore che ci permetterà di aiutare donne in difficoltà con i loro bambini. E non a caso abbiamo deciso di intitolare questo bene a Lea Garofalo, giovane mamma e testimone di giustizia, uccisa nel 2009 a Milano per il coraggio delle sue denunce”. Il bene, appartenuto alla famiglia dei Ciulla, è stato confiscato nel 1991 e assegnato al Comune nel 1998 per finalità sociali. Sarà ora gestito dalla Cooperativa Sociale Ripari Onlus, a seguito di un avviso pubblico ai sensi delle disposizioni del Codice Antimafia. Per sistemare l’immobile sono stati effettuati lavori corposi in gran parte finanziati attraverso fondo ottenuti da Regione Lombardia: per la sistemazione della villa hanno lavorato anche giovani volontari dell’associazione Libera durante campi estivi organizzati nel 2014 e 2015 in collaborazione con il Comune di Trezzano sul Naviglio.




“Negli ampi locali della villa – spiega l’assessore ai Servizi sociali Sandra Volpe – sono state ricavate sette stanze per poter ospitare mamme e bambini in stato di bisogno. Un progetto di inclusione in cui crediamo fortemente per poter accompagnare in un percorso verso l’autonomia famiglie in difficoltà, grazie alla condivisione di spazi e tempi e la guida di operatori esperti. Crediamo anche in un lavoro di rete da fare con gli altri Comuni in modo che questa casa possa diventare una risposta ai bisogni del nostro territorio”.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato i Sindaci del territorio o i loro rappresentanti (Abbiategrasso, Noviglio, Lacchiarella, Corsico, Cesano Boscone, Albairate, Gaggiano, Vermezzo, Buccinasco), Francesco Vassallo, consigliere delegato di Città metropolitana, Luigi Guarisco, referente regionale di Libera, David Gentili, coordinatore Area metropolitana di Avviso Pubblico, il Senatore Franco Mirabelli, membro della Commissione Parlamentare Antimafia. Presenti anche numerosi Sindaci della zona, i volontari dei campi E!State Liberi 2014, il presidio di Libera “Angelo Vassallo” Sud ovest milanese. Dopo gli interventi delle autorità, si è svolta la cerimonia dell'Alzabandiera, momento seguito dalla benedizione da parte del parroco e  dalla scopertura della targa commemorativa.

Il programma ha visto lcune letture a cura del Consiglio comunale dei ragazzi e gli interventi dell’assessore Sandra Volpe e del presidente della Cooperativa sociale Ripari Onlus Andrea Villa. Il cerimoniale è stato curato dall’Associazione Nazionale Carabinieri Sez. “Salvatore Nuvoletta” e dalla Protezione Civile di Trezzano sul Naviglio-Cusago.
 




Vittorio Aggio

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Dopo il risultato elettorale, secondo voi, chi sarà il prossimo Premier?

Matteo Salvini
Luigi Di Maio
Non so

Tutti i sondaggi

banner


banner