Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Sabato 16  Dicembre  2017, ORE 12:40 - PROVERBIO: "Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia”

UPDATED ON: Saturday 16 December 2017,  14:40  Mecca time - 11:40 GMT -
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 05/12/2017 alle 18:19:09 in Cronaca

Corsico. Operazione “Pakistan” della Polizia Locale



Grazie a un’indagine della polizia locale, è stato scoperto un intreccio di aziende con competenze diverse, dalla distribuzione di volantini alla vendita di generi alimentari, con referenti in diverse città della Lombardia. In un appartamento, il locatario ha presentato 43 domande di ospitalità


img


(mi-lorenteggio.com) Corsico, 5 dicembre 2017 -  Doveva essere un accertamento di routine. Una verifica in un appartamento di proprietà di un ventunenne di Bubbiano, in seguito a una richiesta di domicilio pervenuta all’ufficio anagrafe del Comune di Corsico. Invece la polizia locale, grazie a un’accurata indagine, è riuscita a scoprire un vero e proprio “traffico di manovalanza”, tutti impiegati in un’azienda che, in apparenza, si occuperebbe della distribuzione di volantini. Una srl costituita nel 2012 con sede legale a Villasanta (MB), collegata ad altre società e cooperative e con un amministratore unico, una donna di origine pakistana residente a Milano.   Si tratta della stessa azienda che aveva un capannone prima a Corsico, in via Brunelleschi 21, e ora in via del Commercio n. 11/13 a Buccinasco, dove i carabinieri del nucleo tutela del lavoro sono intervenuti la settimana scorsa, in seguito alle verifiche condotte proprio dalla polizia locale di Corsico. Un intervento che è però solo un tassello del complesso puzzle che gli agenti corsichesi sono riusciti a mettere in luce.   “Una delle attività della polizia locale – spiega l’assessore alla sicurezza Sergio Di Giovanni – è il controllo dei sovraffollamenti negli appartamenti. In questo ambito, anche su esposti dei cittadini, si prosegue, perché gli agenti hanno specifiche competenze e hanno il preciso mandato di non trascurare alcun particolare. Solo così garantiamo un presidio di sicurezza sul territorio di Corsico. Sono state di conseguenza – prosegue Sergio Di Giovanni – fatte delle segnalazioni ai carabinieri. Un input info-investigativo che ha consentito poi all’Arma di eseguire sopralluoghi e programmare un’attività operativa, con un servizio congiunto con la stessa polizia locale. L’intervento – conclude l’assessore – non finisce qui. Perché, oltre ad approfondire quanto riscontrato, si verificherà la sussistenza di altre situazioni legate a tutte le persone identificate fino ad ora”.   Infatti, solo da una prima verifica emerge che le città interessate dalle indagini sono Corsico, Buccinasco, Castano Primo, Villasanta, Turbigo. Ma anche Milano, Torino, Brescia, Padova, Genova, Roma e Bologna. “I nostri agenti – evidenzia il sindaco Filippo Errante – hanno una lunga esperienza e si impegnano oltre i loro compiti istituzionali, perché sanno molto bene quanto sia importante per la mia Amministrazione presidiare il territorio, scoraggiando anche persone che lo scelgono per delinquere o comunque per agire contro la legge. Un’attività di verifica e controllo anche delle residenze che intendiamo proseguire”.   Tutto parte da un sopralluogo per stabilire l’effettiva presenza di un uomo, nato nell’85 a Mandi Bahauddin in Pakistan. Il commissario responsabile dell’ufficio di prossimità e un assistente scelto della polizia locale si presentano alle ore 21 del 29 febbraio 2016 in un appartamento in viale Italia 42. Non trovano la persona, che aveva lasciato l’alloggio da una quindicina di giorni, ma accertano la presenza di quattordici persone. Un alloggio, che potrebbe ospitare al massimo cinque inquilini, locato ad Akbar M., del ’71 originario di Gujrat, sempre in Pakistan. Lo stesso che tra il 2016 e il 2017 ha presentato in Comune 43 domande di ospitalità. E tutte le persone sono di origine pakistana, spesso in possesso di una denuncia di smarrimento del passaporto e con permessi di soggiorno come rifugiati rilasciati da diverse questure italiane, ma non Milano.  Il locatario risulta assunto a tempo indeterminato in una cooperativa di Castano Primo, che fino al 2014 aveva un altro nome. Sia la prima sia la seconda cooperativa sono comunque riconducibili alla srl costituita nel 2012. Un intreccio che la polizia locale di Corsico sta districando.

Redazione

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Voi vi fidate di più della Merkel o di Trump?

Merkel
Trump
Di nessuno dei due

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
            16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14            

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner