Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Lunedì 18 Giugno 2018, ORE 11:45 -  PROVERBIO: Giugno ciliegie a pugno..
UPDATED ON: Monday  18 June  2018,  13:45  Mecca time  10:45 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 12/12/2017 alle 10:13:20 in Politica

Agricoltori, comitati, ambientalisti: insieme contro la superstrada Vigevano - Malpensa



La protesta dei trattori sulla SP 114 Abbiategrasso-Milano “Il territorio abbiatense ha altre priorità, non serve una nuova colata di asfalto, occorre ripartire dalla tutela del suolo agricolo e dal potenziamento ferroviario!”


img


(mi-lorenteggio.com) Albairate, 12 dicembre 2012 - Trattori, bandiere e striscioni sono attesi dalla prima mattina  alla rotonda di Albairate lungo la SP114, per un presidio che terrà insieme agricoltori di tutte le organizzazioni - Coldiretti, CIA, Confagricoltura e Copagri - e comitati No Tangenziale, Legambiente e molti amministratori locali. E’ il segnale forte con cui il territorio scende in campo in vista della Conferenza dei Servizi convocata il 14 dicembre a Roma, l’ennesimo tentativo di forzare l’approvazione finale di un progetto di grande viabilità che sconvolgerebbe il territorio rurale tra Parco Sud e Parco del Ticino. Enti che, al pari di Città Metropolitana di Milano, hanno già deliberato netta contrarietà ad un’opera inutilmente gigantesca di collegamento tra Vigevano e Malpensa: un tracciato che evidenzia enormi sproporzioni tra benefici viabilistici e costi economici e ambientali, perchè se esiste un problema di collegamenti per l’abbiatense, questo semmai riguarda vistosamente la direttrice ferroviaria verso Milano, infrastruttura anacronisticamente a binario unico (l’atteso potenziamento è stato recentemente accantonato per rimpalli di responsabilità tra RFI e Regione). A enti e organizzazioni contrarie si è nei giorni scorsi aggiunto anche l’Europarlamento, che ha inoltrato note ufficiali della Presidente della Commissione Petizioni, Cecilia Wikström, a Regione Lombardia e Ministro dell’Ambiente, recependo i dossier sottoposti dalla vasta mobilitazione del territorio. L’Europarlamento ammonisce le istituzioni italiane sulla possibile riapertura di fascicoli di infrazione laddove venisse approvato, sulla base di una valutazione ambientale giudicata ‘obsoleta’, un progetto che ‘appare controproducente sotto tutti i punti di vista (ambientale, economico, sanitario)’, anche con riferimento alle cause di inquinamento atmosferico. Il mondo agricolo, primo danneggiato dalla realizzazione della Superstrada, si oppone all’ennesimo colpo a un territorio in cui l’agricoltura ha ancora un valore e una prospettiva, e deplora che i vari proclami di certa politica sul consumo di suolo siano solo slogan messi in secondo piano dal partito del cemento e dell’asfalto. Ma gli agricoltori non sono soli in questa battaglia: ci sono associazioni come Legambiente e i comitati No Tangenziale, insieme a molti amministratori locali, ad interpretare un diffuso dissenso al colpo di coda dell’ideologia autostradale lombarda. “In tutta Europa si è compreso che la crescita del trasporto su gomma non è più sostenibile e si cercano modi alternativi per la mobilità di persone e merci, ma Regione Lombardia appare ostaggio di una visione di sviluppo datata, incapace perfino di fare i conti con i chiari fallimenti recenti negli investimenti autostradali (Pedemontana, Brebemi, TEEM)”. Per dare un segnale di forte contrarietà, agricoltori, comitati e associazioni hanno deciso di organizzare il presidio. “Quel progetto non risponde a esigenze reali, è solo una costosa aggressione al territorio: vogliamo che si scriva la parola fine ad un’opera inutile, su cui non siamo più disposti a discutere di modifiche ad un progetto che deve essere archiviato!”

Redazione

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Dopo il risultato elettorale, secondo voi, chi sarà il prossimo Premier?

Matteo Salvini
Luigi Di Maio
Non so

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
  18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17        

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner