Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Venerdì 25 Maggio 2018, ORE 19:10 -  PROVERBIO: Né di Maggio né di maggione, non ti levare il pelliccione.
UPDATED ON: Friday  25 May  2018,  21:10  Mecca time  18:10 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 08/02/2018 alle 13:08:55 in Economia

LOMBARDIA SPECIALE: Turismo invernale, crescono le presenze sulle piste lombarde



I dati


img


(mi-lorenteggio.com) Milano, 8 febbraio 2018 - "La Lombardia è tra le mete italiane preferite per il turismo invernale. A decretarlo diversi osservatori che indicano la regione nel gruppo di testa insieme al Trentino Alto Adige. Le abbondanti nevicate e la Coppa del Mondo dello scorso dicembre a Bormio hanno contribuito a far registrare, nella prima parte della stagione invernale 2017/18, numeri positivi importanti dall’Alta Valtellina, con in testa Livigno e Bormio, passando per Valmalenco e Aprica fino a Madesimo". Sono alcuni dei dati sulla stagione invernale elaborati da Lombardia Speciale, Ufficio studi della Regione Lombardia http://www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it/wps/portal/LS/Home.

"I rilevamenti delle presenze nelle strutture alberghiere ed extra alberghiere dell’Amministrazione Provinciale di Sondrio, settore Turismo, indicano nel solo mese di dicembre 2017 un incremento delle presenze nell’Alta Rezia del 7 per cento, pari a 16.644 turisti in più rispetto allo stesso periodo del 2016 per un totale di 254.435 persone contro le 237.791 del 2016. Dati a cui vanno sommati i visitatori giornalieri. In testa tra le località lombarde del turismo invernale - continua la nota di Lombardia Speciale - Livigno con quasi 180mila presenze, +16,2 per cento rispetto a dicembre 2016, seguito da Bormio (46.776, +9,6%) e Santa Caterina (20.474, +19,2%). Ottime le performance di tutte le località sciistiche della regione anche durante le festività natalizie: un’indagine del Centro studi della Cna stima che tra Natale e l’Epifania in Lombardia le presenze siano aumentate rispetto all’anno precedente del 17 per cento. A fare meglio è solo il Trentino Alto Adige (+19%), mentre il Piemonte si colloca al terzo posto con un +16 per cento, seguito da Valle d’Aosta (+14%), Friuli Venezia Giulia (+13%), Veneto (+11%) e le regioni appenniniche, con Toscana, Emilia-Romagna, Abruzzo e Lazio (+10% complessivo)".

"Il turismo in montagna non è solo neve, ma anche relax e buona tavola. Le imprese ricettive, del commercio e della ristorazione attive nei comuni montani della Lombardia, dove sono presenti sedi di scuole di sci, hanno generato nel 2017 un giro d’affari di 260 milioni di euro. Si tratta - prosegue Lombardia Speciale - complessivamente di una quarantina di comuni in tutta la regione, concentrati tra Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Sondrio, nei quali, la Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza e Lodi ha calcolato che il turismo invernale ha portato nello specifico alle imprese del commercio al dettaglio ricavi per oltre 166 milioni di euro, ai negozi che vendono articoli sportivi più di 8,2 milioni di euro, al comparto ricettivo 68 milioni e oltre 24 milioni alla ristorazione.

Per i comuni montani di Sondrio, sede di scuole di sci (Aprica, Bormio, Chiavenna, Chiesa in Valmalenco, Gerola Alta, Madesimo, Livigno, Teglio, Tirano, Valdidentro, Valdisotto e Valfurva), il giro d’affari tra acquisti, cene fuori e alloggi in hotel, b&b e case vacanza supera complessivamente 209 milioni di euro, per i comuni montani di Brescia considerati (Artogne, Bagolino, Borno, Collio, Edolo, Pisogne e Ponte di Legno) i ricavi per le imprese del commercio, dell’alloggio e della ristorazione sono più di 27 milioni di euro. Il giro d’affari per i comuni bergamaschi (Branzi, Castione della Presolana, Colere, Foppolo, Gromo, Piazzatorre, Schilpario, Selvino, Serina, Valbondione, Valleve, Valtorta) ammonta a 7,3 milioni di euro, per quelli di Como (Asso e Bellagio) i ricavi sono attorno ai 14 milioni di euro e 1 milione per Lecco (Barzio, Bellano, Introbio e Margno). Somme importanti per l’economia della montagna lombarda e riconoscimenti concreti della sua bellezza e capacità di accoglienza turistica", concluse Lombardia Speciale. http://www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it/wps/portal/LS/Home/Approfondimenti/Dettaglio-Approfondimento/2018/02-febbraio/turismo-invernale-crescono-presenze-sulle-piste-lombarde

Redazione

print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Dopo il risultato elettorale, secondo voi, chi sarà il prossimo Premier?

Matteo Salvini
Luigi Di Maio
Non so

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
          25 26
27 28 29 30 31 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner