Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Venerdì 20 Luglio 2018, ORE 08:40 - PROVERBIO: A luglio levati il corpetto e butta le coperte fuori dal letto.
UPDATED ON: Friday  20 July  2018,  10:40 Mecca time  07:40 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 16/05/2018 alle 16:13:32 in Economia

Apprendistato: a Palazzo Isimbardi presentate le linee guida per una migliore collaborazione tra pubblico e privato



Durante l’incontro verrà sottoscritto lo “Statement dell’Apprendistato”, ovvero un documento di linee guida basato su tre temi


img


(mi-lorenteggio.com) Milano, 16 maggio 2018 - Domani, a partire dalle ore 9.30, presso la Sala Affreschi di Palazzo Isimbardi in via Vivaio 1 a Milano, si terrà, nell’ambito del progetto europeo FAIR ( Fostering Apprenticeships Sharing Ideas and  Resources), un evento dal titolo “La via italiana all'apprendistato: la collaborazione tra formazione e imprese nel sistema duale”. Durante l’incontro verrà sottoscritto lo “Statement dell’Apprendistato”, ovvero un documento di linee guida basato su tre temi  (1. Coinvolgimento del governo, delle amministrazioni regionali e locali e delle parti sociali; 2. Sostegno alle aziende che offrono opportunità di apprendistato; 3. Orientamento professionale e attrattività della formazione professionale) a loro volta articolati in diversi punti, che i partner italiani di FAIR, ovvero Città metropolitana di Milano, Formaper, azienda speciale di Camera di Commercio di Milano, Lodi, Monza e Brianza e Ecole, agenzia formativa partecipata da Assolombarda, propongono quale base comune per costruire un ecosistema favorevole all’adozione dell’apprendistato da parte di tutti i soggetti che  intervengono a promozione dell’alternanza tra scuola e lavoro.

All'incontro partecipano i Consiglieri della Città Metropolitana di Milano  Elena Buscemi, delegata al Lavoro, Politiche Sociali e Giorgio Mantoan, delegato alle Politiche Giovanili, Massimo Ferlini, Presidente di Formaper, nonché numerosi esperti, amministratori e rappresentanti del mondo del lavoro, della scuola e della formazione. Ha confermato la partecipazione l’Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli

Il progetto FAIR rientra nel programma europeo Erasmus + che ha tra gli obiettivi principali quello di contribuire ad aumentare il numero di piccole e medie imprese disponibili ad accogliere giovani in apprendistato, attraverso l’attivazione di una rete di stakeholder che raggruppi aziende, centri per l’impiego, enti di formazione, parti sociali, associazioni imprenditoriali ed amministrazioni pubbliche.

La Città metropolitana di Milano, con il progetto Fair, ha anche dato vita ad un Think Tank metropolitano, i cui incontri hanno generato la possibilità di aumentare sensibilmente le opportunità di integrazione e di convergenza dei diversi attori pubblici e privati chiamati in causa.


LA VIA ITALIANA ALL’APPRENDISTATO: LA COLLABORAZIONE TRA FORMAZIONE E IMPRESE NEL SISTEMA DUALE

L’attività prevista dal Think Tank Metropolitano del progetto FAIR (Fostering Apprenticeship sharing ideas and resources)1 ha permesso di stabilire un confronto tra i soggetti che si occupano di apprendistato, formazione professionale e apprendimento basato sul lavoro. I contenuti di quelle discussioni sono riassunti nell’Innovation Report del progetto. Qui segnaliamo che il Think Tank ha confermato l’utilità del confronto tra le parti e le potenzialità dell’apprendistato e in particolare del sistema duale introdotto nella legislazione nazionale dal 2015. Ispirandosi a un recente documento del Gruppo di Lavoro sulla Formazione della Commissione Europea che propone venti principi guida per la diffusione dell’apprendistato e le altre forme di apprendimento basato sul lavoro2, gli organizzatori del Think Tank Metropolitano hanno stilato una serie di punti sui quali i partecipanti hanno trovato il consenso e che, come suggerito dal progetto FAIR, propongono ai policy maker come possibili linee guida per promuovere queste modalità di avvicinamento al mercato del lavoro. La forma scelta è quella di uno “statement” su tre temi articolati in quindici punti che i partner italiani di FAIR, ovvero Formaper‚ École, Città metropolitana di Milano, auspicano possa contribuire a costruire un ecosistema favorevole all’adozione dell’apprendistato, da parte di tutti i soggetti attori e delle altre modalità di formazione, e, avviamento professionale basate sull’alternanza tra scuola e lavoro. Lo “statement” verrà sottoscritto dai soggetti che condividono le linee guida proposte e si impegnano a praticarle e diffonderle.
1.  Sito di progetto: www.fairapprenticeship.eu/it

2. “High-performance apprenticeships & work-based learning: 20 guiding principles”. By the ET 2020 Working Group on Vocational Education and Training. European Commission, 9 /12/2015.

STATEMENT DELL’APPRENDISTATO


Perché l’apprendistato si diffonda maggiormente producendo benefici per le imprese,  gli apprendisti e l’economia italiana occorre che ci siano:
1.  Coinvolgimento del governo, delle amministrazioni regionali e locali e delle parti sociali a. delineare un quadro giuridico chiaro e coerente che consenta ai partner dell’apprendistato di agire in modo efficace e garantisca diritti e responsabilità reciproci; b. avviare un dialogo strutturato e continuo con modalità trasparenti di coordinamento e decisione tra tutti i partner dell’apprendistato; c. rafforzare le competenze e il ruolo delle parti sociali per migliorare la loro capacità di azione; d. sollecitare la cooperazione sistematica tra istituti di formazione professionale e di istruzione superiore e le aziende, anche attraverso loro associazioni; e. sostenere percorsi duali di alta qualità formativa con buone opportunità di inserimento professionale a condizioni eque per gli apprendisti. 2.  Sostegno alle aziende che offrono opportunità di apprendistato a. rendere l’apprendistato più attraente per le PMI semplificandone la normativa; b. mediare tra le abilità specifiche richieste da una azienda e la necessità generale di migliorare l’occupabilità degli apprendisti tramite forme di aggregazione della domanda e flessibilità dell’offerta; c. aumentare il numero di aziende che impiegano apprendisti; d. favorire l’inclusione sociale dei giovani svantaggiati tramite appositi incentivi per le aziende; e. motivare e aiutare le imprese ad alzare il livello della formazione e del trasferimento di conoscenze interni. 3.  Orientamento professionale e attrattività della formazione professionale a. facilitare il passaggio tra formazione professionale e altri percorsi educativi e di carriera; b. migliorare l’immagine della formazione professionale e dell’apprendistato evidenziandone le opportunità e promuovendone le eccellenze; c. fornire adeguato orientamento professionale per aiutare i giovani a fare scelte oculate; d. aumentare la professionalità dei docenti nella formazione professionale e la congruenza dei contenuti con l’evoluzione della società e dell’economia; e. far conoscere ai giovani i vantaggi dell’apprendimento basato sul lavoro.


Redazione


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Russia 2018, voi finora quante partite avete visto in tv?

Una
Due
Tre
Quattro
Tutte

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
          20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner


banner