Benvenuto su www.mi-lorenteggio.com - Tang.O
Cerca un articolo con Mi-Lorenteggio Search oppure cerca con google Mi-Lorenteggio Web   


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Martedì 17 Luglio 2018, ORE 15:30 - PROVERBIO: A luglio levati il corpetto e butta le coperte fuori dal letto.
UPDATED ON: Tuesday  17 July  2018,  17:30 Mecca time  14:30 GMT
   Archivio notizie rss

  • Home Page
  • News
  • Cronaca
  • Economia
  • Tecnologia
  • Politica
  • Ambiente
  • Esteri
  • Salute
  • Sport
  • Scienze
  • Cultura
  • Viaggi
  • Divertimenti
  • Musica e Spettacoli
  • Attualità
  • Comuni
  • Multimedia
  • Foto gallery
  • Video gallery

Pubblicata il 01/06/2010 alle 15:58:35 in Politica

Opera. Nove sindaci aderiscono alla marcia simbolica su Milano contro l’inceneritore nel Parco Sud



Il sindaco D’Avolio: “è una protesta che unisce sindaci e cittadini”


img
La prima manifestazione contro


Rozzano, 1 giugno 2010 –  Fioccano le adesioni alla manifestazione del 3 giugno a Opera e si attendono anche in questa occasione molti sindaci con la fascia tricolore in rappresentanza di interi paesi che vivono con angoscia il pericolo di un nuovo inceneritore nella provincia di Milano, e questa volta addirittura nel cuore del Parco Agricolo Sud Milano.
I manifestanti di Opera occuperanno la sede stradale dalla Valtidone fino alla Via Ripamonti di Milano, giovedì 3 dalle ore 18, per sensibilizzare la Regione sul problema e aprire un dialogo sulla necessità di un impianto che non servirebbe la provincia di Milano ma resterebbe funzionale al business dei costruttori e gestori della struttura.
Le prime adesioni sono giunte dai comuni limitrofi: Rozzano, Pieve Emanuele, Locate di Triulzi, Basiglio, Carpiano, Lacchiarella, Noviglio, Cerro al Lambro e molti altri comuni del sud Milano stanno inviando la propria adesione formale all’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale di Opera.
“I primi cittadini del sud Milano - annuncia Ettore Fusco Sindaco di Opera - marceranno insieme contro l’inceneritore nel Parco Agricolo che da vita e sostiene l’economia della nostra terra e, giungendo a Milano, ricorderemo alla Signora Moratti che stiamo aspettando da trent’anni l’ampliamento della Via Ripamonti e nessuno si sogni - conclude Fusco - di barattare tale opera pubblica con l’accettazione di un inceneritore”.
Mentre i partiti si organizzano per partecipare senza bandiere, tutti uniti sotto l’insegna del no inceneritore, anche i comitati di quartiere, le associazioni ed i semplici cittadini si preparano ad essere presenti per fare sentire la voce popolare di chi non vuole assolutamente subire “l’ennesima prepotenza” da parte della Città di Milano.

Anche l’Amministrazione comunale di Rozzano aderisce alla marcia su Milano che si terrà giovedì 3 giugno con ritrovo alle ore 18 presso la rotonda di via Marcora a Opera. La mobilitazione pubblica intende ribadire la contrarietà dei sindaci del Sud Milano contro l’ipotesi avanzata dall’AMSA e dal Comune di Milano di realizzare un inceneritore nel Parco Sud, in un’area a confine tra Rozzano e Opera.



“Sindaci e cittadini si ritrovano ancora un volta uniti con l’obiettivo comune di difendere la qualità della vita in un territorio, il parco agricolo sud Milano, che è tutelato sia sotto il profilo paesaggistico che ambientale – commenta Massimo D’Avolio, sindaco di Rozzano – mi auguro che la sinergia trovata localmente si applichi anche ad altri livello di governo. Guardo quindi con fiducia al dialogo aperto con la Provincia e la Regione Lombardia, istituzioni che svolgono un ruolo chiave nell’affrontare un tema così importante e delicato per la popolazione che risiede in quest’area”.

“Il nostro è un territorio a vocazione prevalentemente agricola e rurale che sarebbe seriamente compromesso dalla presenza di un impianto di termovalorizzazione dei rifiuti – commenta Severino Preli, sindaco di Locate Triulzi – oltre a danneggiare l’economia locale del Parco Sud, collocare l’inceneritore in questo territorio significa mettere a rischio l’equilibrio ambientale”.
“Ribadisco la contrarietà del Comune di Lacchiarella all’inceneritore e sottolineo la nostra ferma opposizione alla realizzazione di una discarica in località Cascina Maggiore di Giussago, a ridosso dell’abitato di Lacchiarella – dichiara Luigi Acerbi, sindaco di Lacchiarella - la realizzazione di questo impianto costituirebbe un grave atto di prevaricazione, chiedo quindi alla Regione Lombardia atti concreti che tutelino il volere della comunità locale e salvaguardino i principi elementari di equità ed autodeterminazione.”

Vittorio Aggio


La marcia su Milano, così è stata denominata la protesta del prossimo 3 giugno, si preannuncia come una grande manifestazione pubblica che da Opera arriverà fino in via Ripamonti, e a cui prenderanno parte i sindaci di nove Comuni del Sud Milano. Alla protesta del Comune di Rozzano e Opera si sono uniti infatti i Comuni di Pieve, Locate, Lacchiarella, Cerro al Lambro, Basiglio, Carpiano, Noviglio.


print Stampa notizia

print Articoli più letti


Condividi la notizia su:

segnala Segnala la notizia ad un amico:
Tuo nome:   Email dell'amico:  
   


Sondaggio

Russia 2018, voi finora quante partite avete visto in tv?

Una
Due
Tre
Quattro
Tutte

Tutti i sondaggi

banner


Agenda
DLMMGVS
    17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15      

Eventi del giorno
Nessun evento

Segnala un evento
banner


banner