clicca per tornare alla pagina iniziale

Scrivici Contattaci
Pubblicità
Meteo
BENVENUTO 
Adv

 

LOCAL DIRECTORIES

Aeroporti
Fiera 
Hotels
Istituzioni
Provincia
Regione
Associazioni
Borsa
Cinema
Diocesi
Scuole
Lavoro
Biblioteche
Shopping
Teatri
Cucina
Lotto
Moda
Search
Edicola
Discopub
Trasporti
Sports
Salute

Foto& Video

 ABOUT US

MAPPE

FORUM

 WEBCAM
ANNUNCI
Adv

   
NEWS PER COMUNE
 

 

 

E-MARKETING
 

 

 

 
 
 
Tutta l'area di Milano ovest online
Aggiornato il 30 dicembre  2006 h. 03.47

OPERA, ARRIVANO I NOMADI, TRA I NO DEI RESIDENTI
(mi-lorenteggio.com) - OPERA, 29 DIC 06 - Stamane presso l'area sono incominciati i lavori, così come ieri  il prefetto Gian Valerio Lombardi ha dichiarato al termine di un incontro  al quale hanno partecipato anche il presidente della Provincia Filippo Penati e l'assessore ai Servizi Sociali del Comune Mariolina Moioli, e una delegazione di cittadini di Opera, che ha lasciato il tavolo delle trattative, non trovando risposte adeguate. Mentre i lavori proseguivano, sono arrivati i nomadi, mentre il dissenso e la protesta di diversi residenti, al momento silenziosa e pacifica, è continuata anche con il presidio davanti al campo. 
Penati: nomadi, adesso il nostro impegno è togliere al più presto le tende da Opera

“Quella di Opera è una soluzione transitoria dopo l’emergenza successiva allo sgombero del 14 dicembre scorso, in seguito al quale si è dovuto, in pochi giorni, dare una risposta umanitaria a 70 rom in gran parte donne e bambini”. Questo il commento di Filippo Penati, presidente della Provincia di Milano, in seguito all’ingresso dei nomadi nel campo provvisorio di Opera.
“Mai più sgombero – ammonisce Penati - senza aver trovato la soluzione alternativa per coloro che non sono espellibili. La Provincia di Milano ha collaborato a trovare la soluzione per queste famiglie e per questi bambini e continuerà a farlo, all’interno di azioni coordinate e programmate prima degli sgomberi, affinché non si ripetano più situazioni come questa, in cui si è dovuti intervenire sulla spinta dall’emergenza umanitaria”.
“Ringrazio il Prefetto di Milano, Gianvalerio Lombardi, le forze dell’ordine, il sindaco di Opera, Alessandro Ramazzotti – aggiunge Penati – e attraverso lui l’intera comunità operese che ha saputo isolare il grave atto di teppismo politico del rogo delle tende e non si è accodata alle proteste più rumorose e intransigenti dei pochi irriducibili. Per i cittadini di Opera l’impegno di tutte le istituzioni è quello di garantire la massima sicurezza durante la più breve permanenza possibile del campo nella loro città, a loro assicuro che il mio impegno personale e il lavoro della Provincia di Milano, insieme al Comune di Opera, a quello di Milano e alla Prefettura, sarà rivolto da subito alla ricerca della soluzione più idonea per le famiglie ospitate oggi nelle tende e per il definitivo smontaggio del campo”.

Redazione


OPERA, QUALE SOLUZIONE?
(mi-lorenteggio.com) - OPERA, 27 DIC 06 -In attesa dell'incontro previsto per domani in prefettura tra le diverse istituzioni e una delegazione del comitato di cittadini, un manifesto in cui si esprime "un messaggio di solidarietà, legalità e sicurezza" sta per essere affisso in queste ore per informare la cittadinanza su quanto sta avvenendo. Nel manifesto viene evidenziato l'aspetto dell'emergenza umanitaria, la durata del campo che sarà per tre mesi fino al 31 marzo 2006. Domani dovrebbero arrivare gli operai per ricostruire il campo.

LEGGI IL MANIFESTO IN PDF


OPERA, PROTESTA CONTRO IL CAMPO ROM

(mi-lorenteggio.com) - OPERA, 23 DIC 06 - All'ingresso di Opera, a lato di una delle arterie principali che la collega con Milano, c'è  un campo, che di solito viene adibito come area per le giostre o come spazio circense.  Poco più in là vi sono nuove case residenziali in parte consegnate e in parte in pronta consegna.

Il comune di Opera


Lì,  l'amministrazione comunale di centro-sinistra, guidata da Alessandro Ramazzotti,  la provincia e il prefetto hanno deciso congiuntamente  di insediare un campo nomadi, con il fine di trovare una soluzione temporanea e dare risposta urgente all'accoglienza dei circa 70 rumeni, tra adulti e bambini, regolarmente soggiornanti sul territorio italiano, che provengono dal campo sgomberato di via Ripamonti in Milano.

Le tende del campo nomadi distrutte


Una decisione questa che non è stata presa molto bene dagli abitanti, che in pochissimo tempo, grazie al tam tam di sms e telefonate,  sono scesi in strada per protestare contro questa decisione, ritenuta imposta e non concordata.

Una protesta fortissima, soprattutto contro il Sindaco, che secondo i manifestanti non  ha informato preventivamente i cittadini nè li ha resi partecipi di questo progetto, così come scritto sui numerosi striscioni lungo la strada adiacente al campo.


Così, da giovedì scorso, da quando ignoti hanno  bruciato nella notte  le tende, montate dalla protezione civile, e distrutto il campo appena attrezzato, e dopochè oltre 400 cittadini hanno assediato il comune contro questa decisione, vi è un presidio permanente davanti al campo col fine di impedire un eventuale nuovo stanziamento.

La polizia presidia l'intera area. Cartelli di protesta contro il campo nomadi 


Addirittura si  è resa  necessaria la sospensione della seduta del consiglio comunale, prevista per ieri, 22 dicembre , in quanto il Sindaco con un'ordinanza ha comunicato che" la seduta del Consiglio Comunale prevista in seconda convocazione per il giorno 22 dicembre 2006 alle ore 21,00 non sarà effettuata per motivi di ordine pubblico".  Nel frattempo il presidio dei cittadini continua, mentre, Opera è assediata dalle forze dell'ordine. 

Redazione


LINKS CORRELATI E APPROFONDIMENTI:
Protocollo d'intesa tra le istituzioni

 GALLERIE

la foto del giorno

 MULTIMEDIA

I video del mese 
ANNUNCI CERCO OFFRO
INDEX ANNUNCI
•  Auto, camper
Varie
•  Antiquariato
•  Immobiliari
Computer, video e telefonia
Personali
INSERISCI
•  Regolamento e privacy
 
 

www.mi-lorenteggio.com -  Tang.O (Tangenziale Ovest Online) - Pensiero Globale, Realtà Locale
Testata  registrata presso il Tribunale di Milano n° 200 del 20 marzo 2006
Iscrizione Registro Operatori di Comunicazione: R.O.C. n° 13848 del 29/03/2006
Direttore Responsabile: Vittorio Aggio
Redazione e luogo di stampa: Via Dante, 17 - 20090 CESANO BOSCONE (MI) - Italy
 Per raggiungerci: satellitare  Lat.: 45°44'754'' North  - Long.  9°.09'277'' East - Alt.: 126 s.l.m
PER CONTATTARE LA REDAZIONE E PER INFORMAZIONI, CLICCA QUI 
Editore: Vittorio Aggio Communications - Copyright © 1999 -2006