20.2 C
Milano
mercoledì, Ottobre 5, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Buccinasco, consiglio comunale unito sulla legalità

Buccinasco (20 luglio 2007) – Approvata ieri sera all’unanimità una mozione che ribadisce i principi di legalità e di convivenza civile.
I 17 consiglieri presenti hanno anche osservato un minuto di silenzio per rendere omaggio al giudice Borsellino e alla sua scorta, ma anche per ricordare il sacrificio del giudice Giovanni Falcone.
Ecco il testo integrale del documento approvato ieri sera nel corso della seduta del Consiglio comunale:
“Oggi 19 luglio, ricorre il quindicesimo anniversario della strage di via D’Amelio in cui persero la vita Paolo Borsellino, giudice che si era distinto in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata, insieme agli agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cusina e Claudio Traina, servitori dello Stato addetti alla sicurezza.

Vogliamo prendere spunto da questa pur triste ricorrenza per avviare, con responsabilità, un percorso comune tra gli schieramenti politici che si sono scontrati nelle recenti elezioni amministrative, che abbia come obiettivo condiviso l’affermazione dei principi della legalità, della convivenza civile, dell’interesse collettivo.

Il Consiglio comunale di Buccinasco

AFFERMA CHE:

1) la legalità è uno strumento fondamentale per garantire la sicurezza, la coesione sociale e la libertà nella vita di una comunità

2) la legalità è lo strumento fondamentale per garantire protezione a tutti i cittadini e soprattutto ai soggetti socialmente più deboli

3) il valore della legalità non è patrimonio culturale di alcun partito o alleanza politica, bensì fondamento costitutivo di ogni convivenza civile

4) le istituzioni hanno il dovere di incarnare, con la massima coerenza nei principi della loro azione e nelle modalità operative, il valore della legalità in modo esemplare e significativo per tutta la cittadinanza

5) sulla legalità ci sia l’obbligo del dialogo tra gli opposti schieramenti, per costituire un processo democratico e soluzioni il più possibile condivise.”

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -