20.2 C
Milano
mercoledì, Ottobre 5, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Fisco, Bossi: ”Per i fucili c’è sempre la prima volta”

mi-lorenteggio.com) Passo San Marco (Bg), 26 agosto 2007 . – Dopo aver precisato, ieri, che trattasi non di sciopero fiscale ma di protesta, Umberto Bossi, come preannunciato, è tornato a parlare di tasse. "Andremo fino in fondo, non ci fermeremo a metà, costi quel che costi". ”La rivolta e la protesta fiscale sono parte della lotta di liberazione in atto perché il Nord ha le scatole piene di uno Stato delinquenziale", ha detto il Senatur parlando ai numerosi militanti accorsi nella bergamasca. Bossi ha rivendicato il ruolo-guida della regione lombarda. Al punto che "se la Lombardia chiude i rubinetti, l’Italia muore in cinque giorni perché vivono con i soldi dei lombardi" arrivando a inneggiare  di prendere i fucili, dei ‘fucili lumbard’ contro questo sistema, qualora le cose non cambino: "A Roma pensano che i lombardi siano dei pirla che parlano ma poi pagano le tasse. A loro interessano solo i nostri soldi. I lombardi non hanno mai tirato fuori i fucili ma per farlo c’è sempre la prima volta".

Immediato il richiamo del Presidente della Repubblica, il quale in una nota diffusa oggi, ha dichiarato che egli ha la massima considerazione per la libertà del confronto politico, anche nelle sue asprezze, e per il pieno esercizio del ruolo e dei diritti di qualsiasi forza di opposizione. Ma dinanzi a eccessi clamorosi nella polemica e nella propaganda, sente di dover esprimere un forte richiamo alla moderazione del linguaggio, e al rispetto dei valori nazionali e dei principi costituzionali.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -