Piano agricolo provinciale di Milano: un fascio di opportunità per il mondo rurale

    0
    282

    20 settembre 2007 – Agricoltura milanese più competitiva, aziende agricole più forti e concorrenziali, integrazione tra agricoltura e altre attività produttive del territorio. Sono questi i tre punti cardine su cui si basa il Piano agricolo provinciale presentato dall’assessora all’Agricoltura Bruna Brembilla e approvato all’unanimità dal Consiglio provinciale nel corso dell’ultima seduta.
    “La nuova Politica Agricola Comune (PAC) – sostiene Brembilla – afferma l’importanza crescente dell’ambiente rurale come ambito in cui attivare nuove misure a favore dell’ambiente, della qualità e del benessere animale. Prevede inoltre scambi virtuosi fra attività agricola e attività alternative come agriturismo, agroenergie, riforestazione e interventi agroambientali. Una multicolturalità agricola alla quale gli agricoltori della provincia di Milano guardano con sempre maggior interesse, come testimonia anche la loro attenzione nei confronti de “il metrobosco”, progetto di realizzazione di una anello verde intorno a Milano, per dare un nuovo benessere agli abitanti del territorio.
    Di tutte queste tensioni al rinnovamento si trova traccia nel nuovo Piano agricolo provinciale, triennio 2007-2009, che proprio per questo è stato votato all’unanimità dal Consiglio provinciale”.
    Il documento programmatico triennale del settore agricoltura parte da un’analisi della situazione attuale del mondo agricolo ma guarda anche al futuro attraverso una programmazione tesa allo sviluppo dell’agricoltura attraverso le nuove possibilità offerte dal mercato. Agricoltura come opportunità economica e soprattutto come scelta strategica per una migliore qualità dell’ambiente, di sicurezza dell’alimentazione e di attenzione, richiesta dall’Unione europea, di una terra da mantenere in buone condizioni agronomiche ed ecologiche.
    “L’idea che esce dal Piano agricolo provinciale – prosegue Brembilla – è di un mondo vitale, tecnologicamente avanzato e con potenzialità di sviluppo ancora tutte da esprimere.
    Una potenzialità che intendiamo agevolare e promuovere, inserendo il mondo agricolo nel più ampio ambito dello sviluppo sostenibile, nella pianificazione territoriale della Provincia di Milano, nella promozione di nuove forme di gestione multicolturali che uniscono produzione, fruibilità, ambiente e forestazione”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui