100a Mostra del Bitto

    0
    343

    (mi-lorenteggio.com) Milano 27 settembre 2007 – Il Bitto e la sua mostra si raccontano in cento anni, quelli trascorsi dalla prima edizione di una fiera nata per scambiarsi i frutti del lavoro di un’estate, unico sostentamento per gente abituata a nutrirsi col poco che la terra offriva.

    Cento anni fa il Bitto era il prezioso formaggio figlio di un’arte antica apprezzato dai commercianti della vallata, oggi è diventato il prodotto distintivo di una tradizione agroalimentare.
    Certo, i tempi sono cambiati, il Bitto è diventato “D.O.P.”, ma si fa ancora in alpeggio, come allora, e la Mostra autunnale non ha perso la sua connotazione di importante momento di incontro e di confronto per il mondo agricolo. La novità è rappresentata dall’apertura al pubblico e ai consumatori, sempre più partecipi e protagonisti. La Mostra del Bitto accende i riflettori sui valori e le tradizioni del passato, alza il sipario sulla  cultura del territorio e apre il palcoscenico ai prodotti tipici più genuini e autentici di questa terra. Quasi come se 100 anni non fossero passati.
    La storica ricorrenza, che consacra la Mostra del Bitto come una delle manifestazioni più longeve fra quelle dedicate ai formaggi non solo in Lombardia, ma in tutto il panorama nazionale, andrà in scena dall’11 al 14 ottobre 2007 al Polo Fieristico Provinciale di Morbegno, ma, più degli altri anni, animerà anche il borgo in provincia di Sondrio con iniziative dedicate al Re dei Formaggi Valtellinesi.
    Come sempre il Polo Fieristico sarà una vetrina d’eccezione per le eccellenze valtellinesi: dai vini alla bresaola, dai pizzocheri alle mele e al miele, ambasciatori che hanno reso celebri la Valtellina e le eccellenze enogastronomiche lombarde in tutto il mondo. I visitatori verranno coinvolti in assaggi e degustazioni, rapiti da aromi unici, conquistati da sapori inconfondibili. Potranno vivere esperienze nuove:
    imparare a mungere mucche e capre, provare a produrre il formaggio, scoprire come si abbinano i sapori
    della tradizione, come nascono lavorazioni tipiche e artigianali.
    Un’esposizione dedicata alla storia del Bitto Dop sarà ospitata nell’antico chiostro del complesso di
    Sant’Antonio, in un’atmosfera particolarmente suggestiva. Il racconto dell’antica arte casearia, della
    vita d’alpeggio, del duro e appassionato lavoro di pastori e casari partirà dalla piazza sede storica
    della Mostra del Bitto, partita nel borgo antico, ai piedi delle Orobie, e giunta, in anni più recenti, al
    più moderno e attrezzato Polo Fieristico.

    EVENTI AL POLO FIERISTICO PROVINCIALE DI MORBEGNO

    All’interno del Polo Fieristico i visitatori troveranno espositori di prodotti valtellinesi e valchiavennaschi, botteghe artigianali e tante proposte di “didattica del gusto”: dalle aree vive alla mostra “Scenari divini”.
    IN DETTAGLIO:
    – La ricostruzione di borghi e scorci che ospiteranno “piccole trattorie di paese” dove degustare i piatti più
    tipici di Valtellina e Valchiavenna, gestite dai Centri di Formazione Professionale della Provincia di
    Sondrio, chef, maître di sala, sommelier e allievi a confronto per solleticare anche i palati più esigenti.
    – Nella “cucina didattica” verranno elaborate in diretta ricette tra le più rappresentative della cultura
    gastronomica della provincia di Sondrio, proposte al grande pubblico tra corsi di cucina e assaggi guidati.
    Non solo il venerdì pomeriggio ci sarà spazio per una “sfida ai fornelli” tra gli allievi delle quattro scuole
    dei Centri di Formazione Professionale.
    – Le aree vive presenti in Fiera quest’anno saranno molteplici:
    ✔ lavorazione del formaggio Bitto DOP, dalla mungitura alla formatura;
    ✔ la lavorazione del formaggio di capra;
    ✔ la smielatura;
    ✔ la lavorazione del pizzocchero;
    ✔ la lavorazione della bisciola e della tradizionale cupeta;
    ✔ la rievocazione della tradizionale vendemmia;
    ✔ i mestieri artigiani;
    Per i palati più fini non dimentichiamo le degustazioni guidate, vere e proprie officine del gusto, per
    imparare a riconoscere le note aromatiche di un buon formaggio o i profumi di un buon vino.
    “Imparare assaggiando” è il nome dell’ambizioso progetto che verrà realizzato in collaborazione con
    ERSAF, dove i protagonisti indiscussi saranno i prodotti tipici valtellinesi e valchiavennaschi, con al
    loro fianco le produzioni dop, docg e i più tradizionali prodotti lombardi presentati dagli stessi
    produttori.
    – “Alla scoperta dell’agricoltura valtellinese”: saranno proposte varie attività didattiche sul tema
    delle sei principali filiere agro-alimentari valtellinesi:
    ✔ la Bresaola della Valtellina IGP;
    ✔ latte e formaggi DOP;
    ✔ il miele di Valtellina;
    ✔ le mele una nuova DOP;
    ✔ il pizzocchero di Valtellina;
    ✔ i grandi vini valtellinesi DOC e DOCG.
    Ogni incontro, condotto da un esperto in agrididattica che , alternerà momenti teorici ad attività pratiche (degustazioni guidate, manipolazione delle materie prime, ecc.). Il luogo di svolgimento saranno le sei “aree esperienziali” e di approfondimento all’interno della tensostruttura interamente dedicata alla didattica.
    – Per i più piccoli, anche quest’anno “Bimbinfiera”
    Grandi sorprese nell’area bimbi: animazione emozionale con fiabe e racconti della tradizione della montagna; laboratori per la costruzione di giochi con materiali naturali (paglia, fieno, legnetti …); laboratori ambientali attinenti il tema della montagna; antichi racconti e tradizioni popolari del passato con animazione in Piazza, in collaborazione con le cooperative sociali presenti sul territorio.
    – E per i più golosi…“Eventi al cioccolato”
    In collaborazione con l’Associazione Italiana Amatori del Cioccolato proporremo al grande pubblico laboratori alla scoperta del “cibo degli dei”, dalla lavorazione del cacao ai cenni storici per concludere con percorsi di degustazione guidati di diverse tipologie di cioccolato.
    Per i piccoli amatori l’area Chocogiochi: dama di cioccolato, choco frasi, pittura facciale….
    – La Mostra in Mostra: Scenari Divini
    Presso il Polo fieristico verrà ospitata la Mostra “Scenari Divini”: vino e arte. O sarebbe meglio dire, vino e creatività. La creatività di 23 scenografi della Rai che hanno preparato dei veri "quadri" che hanno messo in scena le meraviglie del nettare di Bacco. IIl progetto è il risultato di un incontro tra personaggi da sempre appassionati sia del mondo del vino sia di quello della scenografia:Dario Cavalletti, scenografo della Rai e de La7, curatore dei programmi di Michele Santoro, Gad Lerner e del vulcanico Pierino, ovvero Piero Chiambretti, Savino Vurchio, editore di Sapori e Piaceri e
    Sergio Rigutto, capostruttura scenografia della RAI.
    – “Mostra del Bitto” in concerto
    Non mancheranno grandi concerti al fine di rendere coinvolgente l’atmosfera in fiera, spettacoli di folclore locale espressione del nostro territorio, teatro e cabaret a tema.
    – “Spettacoli equestri”
    Per grandi e piccini emozionanti spettacoli equestri, dagli show acrobatici alle danze ungheresi, dalla esibizioni di alta scuola ai grandi numeri dei cascatori. Una grande tensostruttura dedicata alla conoscenza di questo stupefacente animale. Durante le pause tra spettacoli mozzafiato, tutti a cavallo..giri gratuiti per tutti.

    EVENTI A MORBEGNO, CITTA’ DEL BITTO…

    “Morbegno in Cantina” e “Gustosando” nel centro storico di Morbegno
    Nelle caratteristiche vie e nelle corti della parte più antica della città, i due week end precedenti la fiera, si svolgerà la manifestazione “Morbegno in cantina”, itinerario enogastronomico consolidato tra cantine e produttori di vini. La manifestazione dedicata ai cultori del buon vino proseguirà anche nel week end della mostra con l’itinerario delle corti e cantine di Mello, piccolo paesello affacciato sulla Costiera dei Cech, tra i vigneti delle Alpi Retiche. Durante la Mostra del Bitto si svolgerà invece la golosissima manifestazione “Gustosando”, ovvero passeggiare gustando i piatti tipici della cucina valtellinese, un gustoso itinerario nel centro della cittadella di Morbegno.

    Alla fiera in carrozza o trenino
    Uomini e donne vestiti con i costumi tipici della valle e musicanti accompagneranno i visitatori che
    potranno tranquillamente raggiungere il Polo fieristico provinciale con le tradizionali carrozze trainate da
    cavalli e con il più classico trenino dopo aver attraversato la città ammirando gli angoli più suggestivi.
    INFO:
    ✔ Sede Mostra del Bitto: Polo Fieristico Provinciale di Morbegno (SO), via Passerini 7/8
    ✔ Orari Mostra del Bitto: giov. 18,00-22,00/ ven.e sab. 9,00-23,00/ dom. 9,00-21,00.
    ✔ Prezzo d’ingresso: 8,00 Euro – bimbi sino ai 6 anni gratuito, dai 7 ai 13 anni 4,00 Euro
    ✔ Info Mostra: Eventi Valtellinesi srl – Tel. +39 0342.615502 – Email: info@eventivaltellinesi.it –
    Sito: www.mostradelbitto.it
    ✔ Info turistiche: Consorzio Turistico Porte di Valtellina–Tel 0342.601140-Sito:
    www.portedivaltellina.it

    Redazione

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui