27.5 C
Milano
lunedì, Maggio 23, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Commissariata la Comunità montana della Valsassina

Ultimo aggiornamento il 13 Luglio 2008 – 7:24

(mi-lorenteggio.com) Milano, 13 luglio 2008 – La Giunta regionale ha deciso il commissariamento della Comunità montana "Valsassina, Valvarrone, Val D’Esino e Riviera", in applicazione della legge 19/2008. Il presidente Roberto Formigoni ha contestualmente nominato Giovanni Manzi, dirigente della sede territoriale di Lecco , commissario della stessa Comunità montana con il compito di approvare il bilancio e di avviare gli adempimenti per la pronta ricostituzione degli organi e il ritorno dell’ente alla gestione ordinaria.

"E’ un atto dovuto – spiega l’assessore ai Rapporti Istituzionali, Romano Colozzi – determinato dalla procedura avviata dalla Prefettura di Lecco nei confronti della Comunità montana che non aveva approvato il bilancio di previsione entro i limiti imposti dalla legge".
"Sarà comunque un commissariamento breve – aggiunge Colozzi – tanto più che la Comunità montana stessa aveva già espresso una nuova maggioranza. Tuttavia, le norme di legge perentorie che regolano l’approvazione dei bilanci e che avevano indotto la Prefettura di Lecco a prospettare l’avvio della procedura di scioglimento dell’Assemblea qualora tali procedure non fossero rispettate, hanno indotto la Giunta a prevedere la misura della gestione commissariale".

La nuova legge regionale sul "Riordino delle Comunità montane della Lombardia" approvata il 24 giugno scorso pone in capo all’amministrazione regionale la gestione dei "poteri sostitutivi" in caso di mancati adempimenti normativi da parte degli enti montani.
Il termine per l’approvazione del bilancio di previsione degli enti locali (indicato dal decreto legislativo 267/2000 al 31 dicembre dell’anno solare precedente) per l’anno 2008 è stato differito prima al 31 marzo e successivamente al 31 maggio.
La Prefettura di Lecco, il 6 giugno scorso, aveva concesso alla Comunità montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera ulteriori 20 giorni di tempo per adempiere a tale obbligo. Trascorso tale periodo, la Giunta regionale ha applicato quanto previsto dalle normative vigenti.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -