25.9 C
Milano
domenica, Maggio 22, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Palazzo Marino. Lama Chodup consegna bandiera Tibet a Presidente Palmeri

Ultimo aggiornamento il 4 Agosto 2008 – 21:16

Milano, 04 agosto 2008 – La bandiera del popolo tibetano è stata consegnata dal Lama Chodup Tchiring al Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri,  che, durante le Olimpiadi di Pechino, la terrà esposta a Palazzo Marino o in un luogo vicino aperto alla città, così come deciso dall’Aula con la mozione approvata lo scorso 24 luglio.
Alla cerimonia in piazza della Scala erano presenti anche il Capogruppo dei Verdi in Consiglio comunale Maurizio Baruffi e Virginia Fiume dei Radicali Milano.

“La bandiera del Tibet è un simbolo di pace e libertà – ha detto il Presidente Manfredi Palmeri, ricevendola in dono insieme alla ‘kata’, la lunga sciarpa bianca cerimoniale – che dà voce a un popolo amico di Milano. La nostra città sarà la sua ‘casa’ durante i Giochi di Pechino, con la speranza che i valori olimpici possano illuminare ovunque scelte di civiltà nel rispetto dei diritti umani solennemente riconosciuti dalla Dichiarazione universale dell’Onu, di cui celebriamo proprio quest’anno il 60° anniversario: da questo punto di vista non può e non deve esserci contrapposizione tra Tibet e Cina, tra tibetani e cinesi”.

Ribadendo che “non sarebbe stato opportuno boicottare le Olimpiadi ma che, comunque, in futuro andrebbe fatta una verifica preventiva dei diritti civili fondamentali in quei Paesi che ambiscono ad ospitare grandi eventi internazionali”, il Presidente Palmeri ha aggiunto: “Stiamo lavorando per rendere compatibile la volontà unanime del Consiglio comunale con la legge italiana che prevede possano essere esposte sugli edifici pubblici solo le bandiere del Comune, della Nazione e dell’Unione europea”.

“Milano – ha spiegato il consigliere Maurizio Baruffi, primo firmatario della mozione – entra nel movimento dei 200 Enti locali italiani che vogliono testimoniare un messaggio di fratellanza con questa bandiera e chiedere l’osservanza dei diritti umani sia in Tibet sia in Cina”.

Anche il Lama Chodup Tchiring, Presidente del Tibet Culture House, ha sottolineato che “il popolo tibetano non è mai stato nemico di quello cinese e che vuole la riconciliazione e la convivenza pacifica”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -