16.3 C
Milano
domenica, Maggio 29, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Basta musica martellante al parco Pozzi di Corsico

Ultimo aggiornamento il 13 Settembre 2008 – 8:07

Corsico (11 settembre 2008) – “Comprendo e condivido la necessità di ampliare l’offerta delle iniziative rivolte ai giovani e, tra queste, anche quelle musicali. Però, quest’anno, sono stati molti i problemi di elevato rumore, che hanno provocato le giuste lamentele di numerosi cittadini. Non verranno quindi più organizzati concerti come quelli dell’ultimo fine settimana in un luogo, come il parco Pozzi, troppo vicino alle abitazioni”: il sindaco Sergio Graffeo risponde così alle decine di corsichesi che, all’indomani della manifestazione Corsico Energy e Durden festival, hanno telefonato o scritto agli uffici comunali per lamentare il disagio che hanno dovuto sopportare nei quattro giorni dell’iniziativa alla quale hanno partecipato giovani band della zona, ma anche gruppi consolidati come Marlene Kuntz e Linea 77.
“Abbiamo voluto confermare un progetto che l’anno scorso è stato molto gradito dai ragazzi di Corsico e non solo – spiega l’assessore alle Politiche giovanili, Dario Ballardini – ma ci siamo resi conto che il luogo scelto quest’anno non è fra i più adatti. Quindi stiamo già lavorando per individuare una nuova sede per l’edizione 2009”.
Una scelta, quella del Pozzi, che non ha sufficientemente tenuto conto dell’impatto sulla popolazione circostante.
“È inevitabile che le iniziative musicali superino i livelli di tollerabilità per l’alto volume – prosegue il sindaco – però non possono essere organizzate in zone densamente abitate e in serate infrasettimanali o domenicali, quando, l’indomani, molte persone devono alzarsi presto per andare a lavorare o a scuola. In futuro, garantisco, non accadrà più!”.
Uno stop, quindi, definitivo. E non finisce qui. Nei prossimi giorni, infatti, il sindaco incontrerà i proprietari del Blanco Café, che gestisce la struttura comunale, per concordare modalità di utilizzo futuro dello spazio. “Qui, se non in casi straordinari – sottolinea Graffeo – non dovranno essere più organizzati concerti dal vivo e nemmeno musica da discoteca, con dj. Al massimo sarà tollerata musica diffusa, purché vengano adottati tutti i provvedimenti per il contenimento delle emissioni acustiche, come, per altro, previsto nell’accordo siglato con il Comune”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,546FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -