6.3 C
Milano
domenica, Febbraio 5, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

"Effetto Brunetta" anche al Comune di Rho

Rho, 30 ottobre 2008 -Il Comune di Rho sta seguendo con attenzione le problematiche del lavoro, a partire dal proprio interno. Lo dimostra un’indagine condotta dall’Ufficio del Personale in relazione alle rilevazioni delle assenze per malattia nel trimestre Luglio / Settembre 2007 e 2008.

Un commento sui dati dal Primo Cittadino di Rho, Roberto Zucchetti, che così si è espresso:

«Il tasso generale di assenteismo nel nostro Comune è inferiore a quello di altri Comuni. C’è del Personale qui che dà prestazioni migliori rispetto a quanto accade in altri Comuni e anche questo è un dato oggettivo. Dobbiamo ammettere, però, che anche a Rho la "cura Brunetta" ha avuto effetto.».

La Legge n.133/2008, ex decreto Brunetta, ha statuito l’obbligo per le Pubbliche Amministrazioni di disporre obbligatoriamente il controllo della malattia, sin dal primo giorno di assenza. Quello che avviene nella pratica è che l’Ufficio del Personale, ricevuta la comunicazione dell’assenza del dipendente, deve richiedere all’ASL di competenza la c.d. visita fiscale. E’ poi l’ASL stessa che ha l’obbligo di effettuare l’accertamento richiesto e di comunicarne l’esito. Altro elemento di novità introdotto con il decreto in parola è l’estensione della fascia di reperibilità per effettuare la visita: nel passato era dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00; ora è stata estesa dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 20.00, compresi i festivi.

Un’analisi della situazione è stata effettuata anche dall’Assessore al Personale del Comune di Rho, Francesca Caputo:

«La Legge 133 pone freno, con particolare efficacia (e i dati lo confermano) a un fenomeno, quello dell’assenteismo, che era purtroppo largamente e radicalmente diffuso nella Pubblica Amministrazione. Anche nel Comune di Rho, pur interessato solo marginalmente dal suddetto problema, i riscontri obiettivi danno ragione agli intenti del Ministro Brunetta. In ogni caso, pur condividendo le finalità e la gran parte del contenuto della Legge, ritengo altresì comprensibili e, in qualche modo condivisibili, le critiche mosse alla eccessiva rigidità di alcune sue previsioni (come, ad esempio, la dilatazione delle fasce di reperibilità).».

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img