23 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

Rozzano, il consiglio comunale approva il piano per il teleriscaldamento

Ultimo aggiornamento il 17 Aprile 2009 – 17:07

(mi-lorenteggio.com) Rozzano, 17 aprile 2009 – Il futuro di Rozzano è all’insegna del calore pulito. Il consiglio comunale ha infatti approvato nella seduta di martedì 14 aprile il piano per estendere il servizio di teleriscaldamento all’intera città. Nei prossimi anni potranno aumentare quindi gli edifici allacciati alla rete che fornisce il calore “a distanza” con il risultato che la città vedrà ridotte le emissioni di sostanze inquinanti nell’aria.

“Si tratta di un progetto strategico di tutela dell’ambiente e rappresenta un risultato significativo nell’ambito delle nostre attività di programmazione energetica – spiega il sindaco Massimo D’Avolio – l’investimento nel teleriscaldamento ci consente di migliorare la qualità dell’aria e di erogare energia pulita agli utenti”.

La rete del teleriscaldamento è collegata alla centrale di co-generazione a metano situata nel quartiere Alboreto (equiparata dalla Legge nazionale alle fonti energetiche rinnovabili e quindi pulite).

Nelle case teleriscaldate sparisce la caldaia e arriva direttamente in circuito chiuso l’acqua che scalda i termosifoni e può essere utilizzata per l’uso domestico. A Rozzano, ogni alloggio di medie dimensioni, ipotizziamo un trilocale da 80 metri quadri, che si allaccia al teleriscaldamento, rispetto all’utilizzo di una caldaietta murale a gas, risparmia circa cento euro l’anno. Ma i benefici sono anche di carattere ambientale: rispetto alle emissioni inquinanti, con il teleriscaldamento il nostro appartamento campione evita l’emissione di ben 1.800 kg di CO2 (anidride carbonica) e 8.800 kg di altri agenti inquinanti l’anno.

In definitiva è come se si piantassero 280 alberi di alto fusto per ogni appartamento che si allaccia al teleriscaldamento e abbandona la vecchia caldaia. La centrale di co-generazione già attiva a Rozzano, consente di evitare l’immissione in atmosfera di circa 10 milioni di tonnellate di CO2 l’anno, equivalente e confrontabile, come risultato, alla piantumazione di 30.000 nuovi alberi.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,553FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -