13.6 C
Milano
mercoledì, Febbraio 1, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Cesano. Si intitola "La ragione del destino" l’ultimo romanzo di Bruna Principia Rosco

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 28 aprile 2009. Il prossimo 9 maggio alle ore 16,00 presso la Sala Tobagi del Circolo della Stampa , in  Corso Venezia n°16 a Milano, sarà presentato il romanzo dal titolo “LA RAGIONE DEL DESTINO” di Principia Bruna Rosco, Il romanzo sarà presentato da:

Antonio Oliverio (Assessore Provincia di Milano);
Lilia Di Giuseppe (Assessore e Vice Sindaco del Comune di Cesano Boscone);
Franco Manzoni (Critico letterario);
Roberto Allievi (Direttore Generale Ed. San Paolo);
Roberto Bonin (Giornalista e Presidente G.S.A.);
Mauro Broggi (Dirigente Ed. San Paolo);
Antonella Pagano (Sociologo-poeta-scrittrice)

Reciteranno: Fabio Bonin e Tiziana Cera Rosco (attori e scrittori)

Modererà: Silvia Muciaccia (Operatrice Culturale)

PERSONALITA’ DELLA SCRITTRICE

Principia Bruna Rosco è nata qualche anno fa nella bella e dura terra della Lucania. Poteva forse non dedicarsi alla pittura con un’infanzia come la sua? Tutto quello che non ha avuto in partenza l’ha fatto sbocciare nel viaggio mettendoci tutta la linfa che poteva.
E’ stata scelta dalla civiltà generosa e violenta dell’Abruzzo e così, il destino o non so cosa, ha voluto che per lei le terre fossero quelle dei lupi. Ma l’emblema della sua arte è sita nella città di Milano, luogo che le ha dato il successo e alla quale lei è grata anche per averla adottata. Ha al suo attivo più di cinquecento mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero e il suo senso del sacro è conservato in un’opera al Museo di Arte Sacra a Chieti. Ma la pittura non è la sua unica ragione. Il tempo, dopo l’impeto dei colori, le ha portato la saggezza e la liberazione che possono venire solo dalle parole e così ha pubblicato: Vorrei (ed. Otma, Milano) a cui è seguito il romanzo che ancora oggi continua a farla maturare: Petra, La Donna Del Vento (ed. Greco & Greco, Milano) e che l’ha spinta fino alla scrittura del secondo: La Ragione Del Destino (ed. Greco & Greco). Per entrambi sta scrivendo la sceneggiatura.
L’autrice, che ha dedicato la vita all’arte, sta continuando la sua profonda ricerca della libertà interiore e dell’essere anche nel prossimo romanzo che sta scrivendo dal titolo provvisorio Mr. Ken Brown. La sua prossima tappa è la realizzazione di un film o di una fiction. Principia, dunque, si è moltiplicata nelle cose che ha fatto. Come un miracolo.

MESSAGGI E RAGIONI SOCIALI DEL ROMANZO “LA RAGIONE DEL DESTINO” DI PRINCIPIA BRUNA ROSCO

La scrittrice Principia Bruna Rosco, in questo romanzo LA RAGIONE DEL DESTINO percorre un viaggio a 360 gradi all’interno dell’anima, un passaggio attraverso la storia e il costume del nostro tempo, un tour alla ricerca della natura dell’essere, che si sviluppa su molteplici fronti ponendo tutte quelle domande e contraddizioni che sono alla base del vivere quotidiano.
E’ una storia di una donna che si trova a gestire un amore con una persona privata della libertà: un carcerato ingiustamente condannato, ma la storia d’amore non che un pretesto per arrivare ai VERI VALORI DELLA VITA.
Questo è un romanzo profondo e spirituale, filosofico, ma allo stesso tempo concreto e crudo nella sua particolare forma interpretativa, che già dal titolo evidenzia tutte le contraddizioni e analisi spesso antipodiche di tutto ciò che caratterizza la vita e le scelte di ognuno di noi. L’Autrice è alla ricerca della verità soggettiva, perciò da vita ad una serie importante di domande sulla reale indipendenza dei giudici, ipotizzando scelte prese e soprattutto da prendere da parte del Governo, una seria riflessione sul ruolo del carcere e dei rapporti interni tra detenuti ed il ruolo rieducativi che dovrebbero rappresentare.
Principia Bruna Rosco evidenzia e ipotizza rapporti tra servizi segreti e criminalità organizzata, fenomeno che ha caratterizzato la storia anche recente della nostra nazione, l’influenza esercitata attraverso i rapporti tra organi amministrativi, i rapporti tra nazioni, le conseguenti ripercussioni su l’economia reale, su comportamenti strettamente personali evidenziando atti di prevaricazione nei confronti di coloro che, in particolari momenti della vita, sono più deboli, passando anche attraverso il difficile rapporto tra medico e paziente, i dubbi o le varie filosofie da adottare nei confronti di malati terminali, la legittimità o l’opportunità dell’eutanasia, il ruolo della medicina il rapporto tra medicina e malato, il difficile equilibro nei confronti di malattie gravi e soprattutto la valutazione del limite tra morte reale o morte cerebrale. Tutti i personaggi, quindi, sono coinvolti in una continua escalation in intricate vicende che portano sulla scena spietati boss della camorra in intrighi internazionali, ma si parla anche di testamento biologico, di etica della Giustizia e di quella professionale riferita ai medici e avvocati.
Da tutto traspare lo spirito dell’Autrice che, dando voce ai vari personaggi, fa uscire tutte quelle domande e forse risposte che proprio la libertà e onestà intellettuale e la creatività di un’artista come Principia, sa trasmettere. Ciò è messo in luce sia nel suo primo romanzo PETRA LA DONNA DEL VENTO e, soprattutto, in quest’ultimo LA RAGIONE DEL DESTINO Ed. Greco & Greco, dove fa una terrificante descrizione della società mondiale.
Nel romanzo, l’azione si svolge in un presente immediato, dove il Mondo è diviso in quattro immensi substrati: Giustizia, Libertà, Verità e Fede. E’ importante il taglio che è stato dato all’amicizia e agli affetti, ma il pensiero filosofico è soprattutto uno strumento teologico e la possibilità di comprendere in profondità la Fede.

Vittorio Aggio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img