20.9 C
Milano
martedì, Luglio 5, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

Alla Rotonda della Besana la mostra ‘Darwin 1809-2009’

Ultimo aggiornamento il 3 Giugno 2009 – 21:35

Milano, 3 giugno 2009 – “La mostra Darwin 1809-2009 si inserisce nel progetto ‘Milano – Scienza e Milano – Mondo’ promosso dall’Assessorato alla Cultura e vuol essere un’esposizione sulla vita. Di più, sull’origine della vita e sulla diversità delle sue forme”.

Lo ha detto questa mattina l’assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory intervenendo alla presentazione della mostra “Darwin 1809-2009”, in programma alla Rotonda di via Besana da domani, 4 giugno, al 25 ottobre.

“In questa mostra la scienza è esperienza ed esperimento – ha spiegato Finazzer Flory -. E rappresentarla in questo modo a Milano significa dichiarare che tutto evolve. Con Darwin 1809-2009 si fa della biologia uno spettacolo che mette in scena i fondamenti biologici della conoscenza. Perché la scienza non è solo sapere, ma anche cultura”.

La mostra approda a Milano a duecento anni esatti dalla nascita del grande scienziato e a centocinquanta dalla pubblicazione dell’Origine della specie, dopo essersi affermata a livello internazionale come la mostra scientifica più visitata nel mondo con circa 2 milioni di visitatori fra New York, Boston, Toronto, Londra, San Paolo, Rio de Janeiro, Tokyo, Auckland, Lisbona. Un successo confermato a Roma dove l’esposizione, aperta al Palazzo delle Esposizioni, ha registrato oltre 120.000 presenze.

L’esposizione intreccia i linguaggi della storia, della narrazione, del naturalismo, della filosofia della scienza e delle ricerche sperimentali contemporanee. La biografia avventurosa del giovane Darwin, le sue complesse relazioni familiari, l’immersione nella cultura inglese dell’epoca e nei suoi conflitti, il celebre viaggio di cinque anni attorno al mondo sono i capitoli di un suggestivo racconto: la nascita di un’idea rivoluzionaria, le prime domande, le scoperte entusiasmanti, le incertezze iniziali, i timori, il lungo silenzio e infine la pubblicazione di On the origin of species che fece tanto scalpore, nel 1859.

Realizzata in collaborazione con le più prestigiose istituzioni scientifiche del mondo, e ispirata alla spettacolare mostra internazionale dedicata al padre della teoria dell’evoluzione dall’American Museum of Natural History di New York, l’edizione italiana è arricchita da due sezioni inedite.
La prima presenta una storia italiana della teoria di Darwin che mette in luce quanto il nostro Paese sia stato precocemente coinvolto nella rivoluzione darwiniana grazie ad alcune scuole molto attive e all’avanguardia e fa emergere un’Italia liberale e laica, in cui la scienza aveva voce autorevole e della scienza si poteva raccontare anche la bellezza.
La seconda sezione in esclusiva per l’Italia riguarda l’evoluzione umana, un’idea che ha modificato profondamente la nostra visione del mondo, non soltanto della natura e del ruolo che occupiamo nel pianeta.

Promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune, la mostra è ideata e organizzata da Codice Idee per la Cultura ed è curata da Niles Eldredge, responsabile della divisione invertebrati dell’American Museum of Natural History di New York, Ian Tattersall, direttore della Hall of Human Evolution dello stesso museo e Telmo Pievani, filosofo della scienza ed esperto di teoria dell’evoluzione.
L’esposizione è prodotta da Palazzo Reale, Codice Idee per la Cultura e Civita, con la collaborazione di Intesa Sanpaolo, il sostegno di National Geographic Channel, Bayer e Fondazione Veronesi e la media partnership di ATM, Ferrovie dello Stato e LifeGate.

La mostra propone un’articolata offerta didattica per scuole, gruppi e famiglie, curata dagli esperti dell’Associazione Didattica Museale (A.D.M), responsabile dei servizi educativi presso il Museo Civico di Storia Naturale di Milano.
La libreria della mostra è gestita da Civita con la collaborazione della Libreria Cortina al Museo di Storia Naturale.

Il catalogo della mostra, a cura di Codice edizioni, oltre ai testi dei tre curatori – Niles Elderedge, Telmo Pievani e Ian Tattersall – presenta un vasto apparato iconografico, con ampi stralci di testo delle diverse sezioni della mostra.

In programma, collegato alla mostra, anche un ciclo di “Incontri darwiniani” alla Rotonda della Besana e alla Sala Assemblee Intesa Sanpaolo (piazza Belgioioso 1) con esperti italiani e internazionali. Interverranno Edoardo Boncinelli, Luigi Luca Cavalli Sforza, Emanuele Coco, Rudi Costa, Aldo Fasolo, Marco Ferraguti, Giulio Giorello, Alessandro Minelli, Andrea Pilastro, Carlo Alberto Redi, Lorenzo Rook, Antonio Torroni, Patrick Tort, Umberto Veronesi.

DARWIN 1809 – 2009
Milano, Rotonda della Besana
4 giugno – 25 ottobre 2009

Orari
da martedì a domenica 9.30 – 19.30;
lunedì 14.30 – 19.30
giovedì 9.30 – 22.30;
(la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti
intero 8 euro
ridotto 6,50 euro per gruppi di minimo 15 massimo 25 persone, maggiori di 65 e minori di 18 anni, studenti, insegnanti, titolari di apposite convenzioni e coupon, possessori di CartaViaggio Trenitalia e del biglietto ferroviario Eurostar AV Italia con destinazione Milano
ridotto speciale 4,50 euro per scuole, dipendenti e abbonati annuali ATM
ridotto speciale 10 euro per famiglia adulto e bambino
gratuito per minori di 6 anni, soci ICOM, portatori di handicap e accompagnatori, giornalisti e guide turistiche, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti per classe

Audioguide
3 euro a persona
1,50 euro ridotto per dipendenti e abbonati annuali ATM

Radioguide
30 euro noleggio obbligatorio per gruppi con guida propria

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -