2.8 C
Milano
lunedì, Gennaio 30, 2023

Il 29, 30 e 31 Gennaio i Giorni della Merla

Array

Arte dei Segni per dare significato alla Parola: Valentino Candiani in mostra a Milano

(mi-lorenteggio.com) Milano, 08 giugno 2009 – La scrittura è una delle più grandi conquiste dell’uomo. Antichissima, originata dai primi segni preistorici. Oggi le opere di Valentino Candiani tornano all’origine della scrittura, ai caratteri cuneiformi, attraverso un’arte rivoluzionaria che esprime con grande suggestione il potere evocativo della scrittura e della parola.

Le sue opere, sculture e pannelli di graphic design, sono create con segni che sono originale mezzo espressivo in sé e, allo stesso tempo, sono contenuto perché contengono parole di grande significato.

Sono realizzate utilizzando l’unicità dell’impronta tipografica, la geometria, la monocromia come sintesi di tutti i colori. Sono il risultato di un processo mentale volto alla “sottrazione” e al rapporto di interazione tra pieno e vuoto, al limite dell’astrattismo. E grazie a questo processo, si presentano indipendenti da mode o tendenze, pulite da ogni inquinamento visivo, mettendo al centro il loro contenuto.

Si tratta di un “moderno carattere primitivo”, un nuovo canone estetico applicato a parole che fanno parte di un’antropologia minimalista. Opere che non aggrediscono il fruitore, ma lo guidano in una nuova riflessione interiore.
Valentino Candiani, artista milanese, si è affermato professionalmente nel graphic design e nella fotografia negli anni più recenti, prima di dedicarsi a un percorso di ricerca artistica che coniugasse design e lettering in forme espressive originali e di grande impatto emozionale.

“Skariphaomai” è la prima mostra frutto di questo percorso, che unisce le sculture e i pannelli di Valentino Candiani nati secondo questa sua nuova concezione. Un’esposizione originale promossa dall’agenzia di comunicazione Imageware e allestita in anteprima presso la sua sede di via Moretto da Brescia a Milano.

Le opere in mostra si distinguono in alcuni filoni principali: i cinque sensi – vista, udito, tatto, olfatto, gusto – i quattro elementi – acqua, terra, aria, fuoco – le emozioni: amore e odio – e i concetti topici tempo e luce.

Il titolo della manifestazione “Skariphaomai” – “scalfisco in superficie” in greco antico – porta in sé una duplice valenza, perché riferita all’epoca in cui i segni venivano incisi sui materiali come pietra, terracotta o legno e perché origine comune, dal punto di vista etimologico, di parole come il latino scribere, il francese écrire, il tedesco schreiben.

E il ricorso all’origine della scrittura universale si ritrova anche nella scelta di Candiani dell’inglese come lingua base per i suoi segni: l’inglese, che oggi nel mondo virtuale di Internet assume le qualità utopiche del progetto esperanto, prende il ruolo che in epoca classica era del latino.

“Siamo rimasti impressionati dalle opere di Valentino Candiani sia per la suggestione visiva che creano e per la forza comunicativa che trasferiscono sia per la portata di vera avanguardia dello stile espressivo con cui sono state concepite e realizzate”, afferma Marco Franceschi, Amministratore Delegato di Imageware.

“Abbiamo chiesto, quindi, a questo artista originale e di grande talento di presentare la sua mostra presso la nostra sede, orgogliosi di poter ospitare una forma d’arte che mette al centro il potere della parola. Come consulenti di comunicazione, vediamo particolarmente forte la sua suggestione, il potere dello strumento che anche noi abbiamo a disposizione, la parola; comunicare, in fondo, significa proprio mettere in condivisione un significato che nasce da un segno”.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 12 al 24 giugno tutti i giorni feriali dalle 14.00 alle 19.00 presso la sede di Imageware in via Moretto da Brescia 22 a Milano.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,572FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img