4.2 C
Milano
lunedì, Febbraio 6, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Cesano. Il cuore artistico di Principia Bruna Rosco batterà a Praia a Mare

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 16 giugno 2009 – Dall’11 al 21 luglio 2009, la nota artista Principia Bruna Rosco sarà presente con la sua innata semplicità, con l’allegria che le appartiene e la forza del sua arte in una personale di pittura presso il Museo Comunale della nota location di Praia a Mare –Via Dante Alighieri. Con l’occasione sarà presentato il suo ultimo romanzo “La Ragione del Destino”.
Il vernissage della Mostra di Pittura di Principia Bruna Rosco dal titolo “Tra l’impeto dei colori e la saggezza delle parole” avverrà sabato 11 luglio alle ore 19,00. Con l’occasione verrà presentato anche il suo ultimo romanzo dall’emblematico titolo LA RAGIONE DEL DESTINO.
La rassegna pittorica si compone di circa 40 opere realizzate ad olio su tela o tecnica mista. Un’analisi spasmodica del vissuto quotidiano caratterizza da sempre l’arte di Principia Bruna Rosco che da vita ad un messaggio universale formato da rappresentazioni informali di natura floreale e paesaggistica e astratte. Queste ultime prendono forma attraverso esplosioni di un universo surreale, magico e incantato, ma allo stesso tempo terribile.

Principia Bruna Rosco ha esordito giovanissima sotto la spinta e la guida di Mario Schifano, Remo Brindisi, Kodra e altri artisti di fama internazionale ed è, quindi, una delle figure più interessanti del panorama artistico-culturale contemporaneo italiano le cui opere sono presenti in decine di musei, tra questi il Museo di Arte Sacra di Chieti. La sua assidua presenza nel mondo dell’arte con oltre 500 mostre personali e collettive tenute in tutta l’Europa e oltre Oceano (nell’Ohio-Cleveland), sono valse a conferirle numerose onorificenze e premi ed un successo senza pari.
L’Artista Principia Bruna Rosco sostiene che la sua ricerca è quella di perseguire la sintesi della sintesi. Il suo è il regno del colore che impera nella sua immaginazione e non tradisce il suo ardore di vivere e amare. A volte vi introduce i metalli che producono fenomeni mutevoli e dinamici dove lo spazio cambia ed entra nel segno dell’astratto.
Principia, genio creativo che sveglia la materia per affidarla all’immaginazione, dipinge opere defluite e compiute liberamente, spostando l’attenzione dall’oggettivo al soggettivo. La sua spiccata personalità e i suoi slanci creativi si identificano nella pittura, che è la sua prima vita e nella scrittura, che è la sua seconda vita, conquistando la sua assoluta libertà di pittrice e romanziera. Il suo Verbo, dunque, è questa pasta operosa che si identifica sotto diversi aspetti dell’arte: pittura, scultura, poesia, scrittura e giornalismo. Qualcuno potrebbe dire che è prigioniera della sua arte e non avrebbe torto. Purtroppo, questa è la sua condizione tragica ed appassionata, ma che è anche fermento liberatore dell’enigma della sua anima. Ad un talento creativo, la Rosco aggiunge l’elemento di anima e mente come magnetico vento Divino-Spirituale della sua coscienza che è Verità che trascenda la materia per esprimere un pensiero universale, cosmico ed umano.
Per quanto riguarda il suo ultimo romanzo esso racconta la storia di una donna che si trova a gestire un amore con una persona privata della libertà: un carcerato ingiustamente condannato, ma la storia d’amore non che un pretesto per arrivare ai VERI VALORI DELLA VITA. La protagonista, Petra, molla tutto per inseguire un sogno, parte per rintracciare un uomo che la porterà alla scoperta di sé. E’ un viaggio a 360 gradi all’interno dell’anima, un passaggio attraverso la storia e il costume del nostro tempo, un tour alla ricerca della natura dell’essere, che si sviluppa su molteplici fronti ponendo tutte quelle domande e contraddizioni che sono alla base del vivere quotidiano. Si riflette sulla legittimità o l’opportunità dell’eutanasia, il ruolo della medicina il rapporto tra medicina e malato, il difficile equilibro nei confronti di malattie gravi e soprattutto la valutazione del limite tra morte reale o morte cerebrale. Sicuramente affascinante e coinvolgente è il fatto che nel romanzo ci sono molte pagine scritte in linguaggio napoletano perché, dice l’autrice, il dialetto è l’anima stessa di un popolo, è la sua storia, i suoi costumi, i suoi usi, le sue tradizioni, la sua cultura, le sue radici più profonde. Se dovesse morire il dialetto napoletano muore non solo il popolo campano ma tutta l’Italia nel Mondo. Ma la finalità del testo è quella di far parte di un progetto più ampio che potrebbe coinvolgere anche il cinema. La sceneggiatura è già pronta. Ma quando le si chiede se lascerà la pittura per la scrittura lei prontamente risponde che ama la pittura quanto la scrittura e che non può scrivere e se non dipinge e viceversa”.
La dottoressa Antonella Palladino, Direttrice del Museo di Praia a mare, nonché Presidente della Cooperativa Sociale per la Cultura, l’Arte e il Territorio “Mondocultura Athena”, da me intervistata, afferma che: “E’ palese il legame esistente tra le opere pittoriche e quelle letterarie dell’artista Principia Bruna Rosco perché in tutte c’è lei stessa. Esse sono creature passionali e indomabili, posseggono un proprio stile, una propria poetica e, soprattutto, un proprio messaggio. Osservando le sue opere pittoriche, se pur da un freddo schermo, ho avuto la sensazione di riscaldare il cuore e rallegrare la mente grazie al tocco docilmente energico della poliedrica artista. L’abilità artistica appare fortemente imponente nel ruolo dato a soggetti apparentemente comuni come ad esempio i fiori, i suoi petali sono strati di un animo ricco e luminoso così come indicano la corposità della materia usata e la brillantezza dei suoi toni. La purezza del gesto si individua ancora più vigorosamente dall’attenzione, quasi studiata, ma nello stesso tempo denota spontaneità di un animo determinato e sicuro dell’artista a mantenere i colori sobri e puri, ma squillanti i suoi pigmenti che sembrano intravedersi come in una sorta di fibra tessuta magistralmente. L’arte della Rosco esplode ed implode in un ritmo continuo dai suoi quadri e nei suoi quadri così come in più occasioni ha dimostrato anche dalle sue parole e nelle sue parole. Energia e determinazione – continua la Palladino – non devono far pensare ad un artista asciutto e metodico, al contrario: è la famosa maschera pirandelliana che in questo caso, assumendo le forme della natura più libera ed incontaminata, cela la commovente e sempre più rara sensibilità fragile di chi guarda alla vita continuando a gioire dello splendore che ogni giorno riserva”.

 

 

Isola di Dino Praia a Mare- Foto di Egidio Lorito

Pietro De Paola, Assessore alla Cultura, nonché Vice Sindaco di Praia a Mare, anche lui da me intervistato in occasione della B.I.T. 2009, conferma quanto affermato dalla Palladino, aggiungendo: “In accordo con la Direttrice del Museo, abbiamo invitato questa artista la quale, pur non essendo calabrese, ha tenuto a cuore questa Regione con mostre dal tema I COLORI DELLA CALABRIA venendo definita dalla stampa come la pittrice calabrese. Ospitare questa Personale di Pittura dell’Artista Rosco ha per noi un simbolico significato d’appartenenza e di divulgazione della cultura che farà apprezzare ancora di più la bella Terra della Calabria e specificatamente di Praia a Mare. Con questa mostra cammina il nostro impegno nel promuovere l’Arte”.

Quali peculiarità ha la Città di Praia a Mare?

 “Ha la più grande isola della Calabria: l’isola di Dino dove all’interno c’è la Grotta del Leone, la Grotta Azzurra e la Grotta delle Cascate. All’interno della Grotta del Leone c’è una scultura naturale formata da una roccia che nel tempo il mare ha levigato; questa ha preso le sembianze di un leone accovacciato. All’interno della Grotta Azzurra c’è un acquario naturale con centinaia di specie di animali, mentre all’interno della Grotta delle Cascate si sono formate delle cascate naturali”.

Qual è il programma artistico-culturale dell’estate?

 “C’è un ottimo programma che sposo a 360° il quale si rivolge in particolare agli amanti dell’arte, agli artisti e ai curiosi che, con spirito vivace, vogliono godere del bello e del creativo”.

 

Perché servirsi della Cooperativa“Mondocultura Athena”?

“Perché essa si impegna a offrire alla nostra città servizi e opportunità per vivere il mondo dell’arte e della cultura in modo personale e privilegiato. Attraverso il suo operato, si promuovono spazi dedicati all’approfondimento e alla creatività, che variano tra laboratori di formazione e sperimentazione, ospitalità e rassegne, mostre, eventi, vernissage, prime teatrali e cinematografiche, rassegne culturali e artistiche e altre attività pensate allo scopo di abbracciare i più svariati campi dell’arte e della cultura. Inoltre, grazie alla stretta collaborazione con alcuni importanti partner sia nazionali che internazionali, informa sul mondo dell’arte e della cultura e diffonde magazine di interesse generale e specializzato, iniziative editoriali e prodotti artistici”.

Quali sono gli obiettivi che si possono raggiungere mediante l’Arte?

 “Queste manifestazioni hanno l’obiettivo di promuovere la conoscenza della storia dell’arte e della tecnica artistica, nonché il miglioramento delle capacità di lettura dell’opera in tutte le sue forme grazie alla collaborazione di professionisti. La cooperativa Athena si dedica a tale progetto impostando questi incontri come una sorta di “grandi lezioni sull’arte” attraverso le quali il pubblico può, oltre che usufruire dell’opera e del suo fascino, capirne gli aspetti più nascosti. Le grandi lezioni sull’arte di @thena, pertanto, offrono la possibilità di avvicinarci al mondo enigmatico dell’arte e della cultura in genere. Bisogna valorizzare con tutte le forme turistiche possibili le bellezze Storiche–Artistiche-Culturali del Comune di Praia a Mare. Dare la possibilità di far conoscere i nostri siti archeologici e godere delle bellezze naturali che si sviluppano intorno al Parco Marino dell’Isola Dino; dare l’opportunità di conoscere uno dei Musei d’arte moderna e contemporanea più importante del meridione, sia per la collezione che conserva che per la sezione dedicata alle conchiglie oramai diventate pezzi introvabili e di valore inestimabile del nostro mare, ma anche e soprattutto dare l’opportunità di far conoscere le attività commerciali di Praia a Mare. La promozione del territorio passa attraverso la garanzia di servizi che gli operatori del settore devono assicurare al turista, perciò il progetto che ci ha visto presenti come Comune di Praia alla BIT “Fiera Internazionale del Turismo” a Milano sono state proposte per un turismo che coinvolgerà”.

Le parole di apprezzamento che Pietro De Paola, Assessore alla Cultura del Comune di Praia a Mare, ha speso nei confronti dell’attività della Cooperativa “Mondocultura Athena” e la sua valente Presidente Antonella Palladino, che opera nell’ambito turistico e culturale, che promuove e fa apprezzare il patrimonio artistico culturale di Praia a Mare, ci fanno rendere conto dell’importanza del contatto avuto con l’artista Principia Bruna Rosco la quale ha risposto di accettare con entusiasmo all’invito di presentare una personale di pittura con annessa presentazione del romanzo La Ragione del Destino.

Vittorio Aggio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img