18.4 C
Milano
mercoledì, Maggio 25, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Non c’è due senza tre: nuova missione nel 2010 per l’astronauta Roberto Vittori sull’ISS

Ultimo aggiornamento il 11 Agosto 2009 – 21:53

(mi-lorenteggio.com) Parigi, 11 agosto 2009 – All’astronauta Roberto Vittori è stata assegnata una missione a bordo dello Space Shuttle STS-134 e così per la terza volta andrà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il viaggio è previsto a bordo del Discovery, con partenza da Cape Canaveral, tra il mese luglio e settembre 2010. Lo scopo di questa missione sarà quello di portare sulla stazione orbitante l’Alpha Magnetic Spectrometer (AMS), un laboratorio il cui scopo, in breve,  è quello di studiare i raggi cosmici e di cercare tracce di antimateria e materia oscura.

L’Alpha Magnetic Spectrometer

La missione è frutto di accordi bilaterale tra l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e la NASA,  dopo la costruzione del Multi-Purpose Logistics Modules, una sorta di container inserito nello Shuttle.

Il modulo è stato progettato e costruito dall’azienda italo-francese Thales Alenia Space, che lo ha poi fornito alla NASA tramite l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI). Tre MPLM sono stati prodotti per la NASA, e per essi sono stati scelti i nomi di tre grandi artisti italiani: Leonardo, Raffaello e Donatello.

Vittori così andrà per la terza volta nello spazio. Il suo primo viaggio fu con la missione “Marco Polo, ”nell’ aprile del 2002, quando Vittori vi restò per 10 giorni sulla ISS. Durante la missione viene portato a termine con successo uno dei principali obiettivi: la consegna della nuova Soyuz TM-34, la ‘scialuppa di salvataggio’ per gli astronauti dell’ equipaggio permanente della Stazione in casi di emergenza.
Tre anni più tardi, ci ritornò, sempre a bordo della stazione orbitante, partecipando alla missione "Eneide", per altri 10 giorni, "giusto" il tempo di condurre un ampio programma fatto di 22 esperimenti. Inoltre, ebbe un ruolo attivo nella guida e nelle fasi di attracco della navicella Soyuz. In entrambe le missioni di Roberto Vittori andò in orbita con la navicella spaziale russa Soyuz, partita dalla base di Baikonur.

"Questo incarico sottolinea ancora una volta, la stretta e duratura collaborazione tra l’Agenzia Spaziale Europea e l’Agenzia Spaziale Italiana," ha detto il Direttore Generale dell’ESA, Jean-Jacques Dordain. "La scelta del profilo di Roberto Vittori per questa missione è dovuto al fatto che Vittori è un astronauta esperto in grado di svolgere missioni in grado di soddisfare le esigenze sia di ESA che di ASI, come pure quelle dell’Aeronautica Militare Italiana".
"La missione di Roberto Vittori" ha detto Enrico Saggese, Presidente ASI, "rappresenta un ulteriore risultato derivante dalla cooperazione bilaterale tra ASI e NASA, nel quadro della convenzione relativa all’utilizzo dei moduli italiani Leonardo, Raffaello e Donatello, con l’importante supporto dell’Agenzia Spaziale Europea. L’Italia conferma il ruolo centrale svolto in quello che è un ambizioso impegno internazionale: il programma della ISS. "

"Dopo i due voli del Soyuz nel 2002 e nel 2005 sono ora in attesa di volare nel 2010 sullo Space Shuttle", ha detto Roberto Vittori, aggiungendo: "L’ISS ha avuto un progresso enorme negli ultimi anni. Il Columbus, il laboratorio scientifico spaziale avanzato dell’ESA è stato appena installato, permettendo agli scienziati europei di fare numerosi esperimenti di particolare importanza". Vittori sarà il primo astronauta Italiano ad aver volato su entrambe le navicelle, lo Shuttle e Soyuz.

Roberto Vittori

"Sono molto soddisfatta che Roberto Vittori sia stato assegnato alla missione STS-134 con l’esperimento AMS", ha detto il direttore dei Voli Abitati dell’Esa, Simonetta Di Pippo. "Questa è una missione importante per la scienza, per il volo spaziale umano e per l’Europa e l’Italia in particolare. Così si dimostrerà che la ISS può potrà essere di grande supporto per sostenere questioni scientifiche, vogliamo rimarcare due importanti realizzazioni frutto della cooperazione internazionale: AMS, che è sostenuta da 16 paesi in tutto il mondo, e la nomina di Vittori, che è stata resa possibile dalla cooperazione tra ASI, l’ESA e la NASA ".

Alla missione STS-134 parteciperanno anche gli astronauti Mark Kelly. Gregory H. Johnson, Michael Fincke, Greg Chamitoff e Andrew Feustel.

Prima di andare in orbita l’AMS, sarà testato per tre mesi, a partire dal prossimo novembre 2009 nel centro ricerche e tecnologie (ESTEC) dell’ESA nei Paesi Bassi.

Vittorio Aggio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -