Pavia, richiesto lo stato di calamità per piogge e grandine

    0
    237

    (mi-lorenteggio.com) Pavia, 16 settembre 2009 – La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Luca Daniel Ferrazzi, ha approvato la richiesta dello stato di calamità – che viene inoltrata al Ministero per le Politiche Agricole e Forestali – per i danni causati alle realtà agricole della provincia di Pavia dalle piogge persistenti e della grandine del 1 luglio.

    In provincia di Pavia, infatti, si sono registrate piogge per 55 millimetri in mezz’ora. "In poche ore – commenta Ferrazzi – la grandine e la pioggia persistente hanno creato danni alle infrastrutture viarie a servizio dell’agricoltura nonché alle produzioni dell’Oltrepò Pavese in un’area di circa 112 chilometri quadrati".

    Regione Lombardia è intervenuta tempestivamente per delimitare le aree interessate dagli eventi e documentare i danni subiti dalle realtà agricole dell’Oltrepò Pavese. Sono 4 i Comuni che hanno richiesto contributi per danni a infrastrutture e strutture agricole. Per le infrastrutture danneggiate, quali strade interpoderali e vie di accesso alle aziende agricole, gli uffici regionali hanno registrato danni nei Comuni di Bagnaria, Ponte Nizza, Val di Nizza e Varzi.

    "Le forti piogge – spiega l’assessore Ferrazzi – sono state monitorate dalle nostre realtà territoriali, che hanno documentato gravi danni a seguito delle intense piogge e della grandinata con danni quantificati, per il ripristino dello stato delle cose antecedente l’evento calamitoso, di 2,15 milioni di euro". A seguito della delibera della Giunta regionale, le richieste di riconoscimento dello stato di calamità approderanno ora sul tavolo del Ministero.

    "Sono certo – conclude Ferrazzi – che si possa riconoscere la fondatezza della nostra richiesta, così che le realtà produttive lombarde possano sanare i danni subiti e ripartire nella piena operatività". Quando il Ministero avrà riconosciuto lo stato di calamità attraverso la Gazzetta Ufficiale, saranno 45 giorni i giorni di tempo per presentare, da parte delle realtà interessate, le domande per fruire dei risarcimenti.

    Redazione

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui