23 C
Milano
giovedì, Agosto 18, 2022

Proverbio: Di Settembre e di Agosto bevi vino vecchio e lascia stare il mosto

Array

Milano. Premiati i campioni sportivi milanesi delle Olimpiadi 1960

Ultimo aggiornamento il 13 Settembre 2010 – 13:50

Milano, 13 settembre 2010 – “Oggi vogliamo premiare le Medaglie d’Oro milanesi di Roma 1960, a cinquant’anni da quell’evento al quale ripensiamo spesso, custodendo nei nostri cuori tante immagini di vittorie rimaste nella storia. Le Olimpiadi di Roma del 1960 furono un evento straordinario. A soli 15 anni dalla fine della Guerra, l’Italia entrava da protagonista nel decennio del boom economico. Le Olimpiadi furono importanti per mostrare a tutto il mondo il nostro patrimonio artistico e per mostrare anche la nostra capacità organizzativa e il talento sportivo di molti atleti indimenticabili. Tra loro ce n’erano alcuni milanesi che hanno fatto onore a Milano e all’Italia. Atleti le cui imprese ci emozionano ancora e ci rendono orgogliosi di essere parte di questa città“. Queste le parole del Sindaco Letizia Moratti che, oggi, in Sala dell’Orologio, a Palazzo Marino ha premiato con una medaglia d’oro celebrativa i sei campioni olimpici, milanesi di nascita o di adozione, vincitori delle Olimpiadi di Roma del 1960: i ciclisti e pistard Marino Vigna, Luigi Arienti, Antonio Bailetti, Sante Gaiardoni e gli schermidori Perluigi Saccaro ed Edoardo Mangiarotti.
Con il Sindaco hanno partecipato alla cerimonia l’assessore allo Sport, Alan Rizzi, il presidente del Coni Provinciale Milano, Filippo Grassia e Marino Bartoletti giornalista e commentatore sportivo. Proprio Bartoletti nel corso della cerimonia ha ricordato un aneddoto storico che lega Milano alle Olimpiadi. Fu Sant’Ambrogio nel V secolo dopo Cristo a segnare la fine delle Olimpiadi ritenendole un evento troppo pagano. Un’interruzione durata fino al diciannovesimo secolo quando si riprese a disputare i Giochi. “Con la cerimonia di oggi Milano fa pace con le Olimpiadi e premia sei campioni che hanno fatto la storia di schema e ciclismo”, ha detto Marino Bartoletti introducendo la biografia del sestetto olimpico.
“È per noi un grande onore avere oggi a Palazzo Marino sei grandi dello sport italiano e milanese – ha detto l’assessore allo Sport Alan Rizzi – che sono stati protagonisti di vittorie irripetibili in Olimpiadi e campionati Mondiali, dando lustro alla nostra città e all’Italia che li ha seguiti e amati”.

Queste le motivazioni che hanno accompagnato la consegna delle medaglie:

SANTE GAIARDONI 29\6\1939 Ciclismo

Due volte campione olimpico: chilometro da fermo e velocità individuale. Il più potente sprinter di tutti i tempi. Estroverso e generoso: assieme ad Antonio Maspes fece del Vigorelli il suo regno

ANTONIO BAILETTI 29\9\1937 Ciclismo

Campione olimpico nella 100 chilometri a squadre. Gigante possente e generoso. Solista impareggiabile, ma anche uomo-squadra insostituibile

LUIGI ARIENTI 6\1\1937 Ciclismo

Campione olimpico nell’inseguimento a squadre. Primo componente e trascinatore della “locomotiva azzurra”. Grandissimo interprete della pista e della strada

MARINO VIGNA 6\11\1938 Ciclismo

Campione olimpico nell’inseguimento a squadre. Insostituibile metronomo del quartetto azzurro. Esempio, di professionalità, gentilezza e affidabilità: nello sport e nella vita

GIANLUIGI SACCARO 29\11\1938 Scherma

Campione olimpico nella spada a squadre. Schermidore intelligente e brillante. Il successo nello sport è stato la base del successo nella vita

EDOARDO MANGIAROTTI 7\4\1919 Scherma

Campione olimpico nella spada a squadre. Leggenda vivente dello sport mondiale. E’ l’atleta italiano che ha vinto il maggior numero di medaglie nella storia delle Olimpiadi

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,617FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -