19.9 C
Milano
giovedì, Agosto 18, 2022

Proverbio: Di Settembre e di Agosto bevi vino vecchio e lascia stare il mosto

Array

Pieve Emanuele: profughi in piazza ieri

Ultimo aggiornamento il 6 Ottobre 2011 – 16:25

(mi-lorenteggio.com) Pieve Emanuele, 06 ottobre 2011 – Anche Pieve Emanuele, che dallo scorso 12 maggio ospita numerosi profughi (il numero attuale è di 245) presso la struttura del Residence Ripamonti, nella giornata di ieri, dopo 5 mesi dal loro arrivo è stata scenario di un’accesa e prevedibile protesta. “Voglio sottolineare, per onor di cronaca, che non si è trattato di una rivolta – ha dichiarato il Sindaco Rocco Pinto – ma ciò che questa mattina è accaduto nella via dei Pini, la strada principale che attraversa Pieve Emanuele, è stata una protesta da parte dei profughi che dal mese di maggio sono ospiti su questo territorio. Avevo già previsto che si sarebbe verificato un simile episodio e infatti è da mesi che ho avvisato gli organi competenti, consapevole che la presenza di un gruppo così numeroso di persone con lo status di profughi non è un problema indifferente né facilmente gestibile.

 

Tutto questo comporta una seria gestione soprattutto quando si supera la fase iniziale dell’emergenza. La prefettura ha incontrato una delegazione dei profughi alla quale è stato riferito che si provvederà al rilascio del cosiddetto pocket money.

 

 

Mi sto interessando personalmente per il rilascio della post pay che servirebbe a garantire il pagamento del pocket money. Spero che le pratiche burocratiche si risolvano al più presto e che questa protesta non cada nel dimenticatoio come i tanti appelli che ho rivolto alle istituzioni competenti susseguitisi in questi 5 mesi”.

 

Dopo la manifestazione di ieri  mattina, il sindaco di Opera,  Ettore Fusco,  ha avuto rassicurazione dal Ministero dell’Interno sull’attenzione e le risorse riversate dal Ministero nella gestione della questione profughi. “Il Ministero ha confermato che,
contrariamente alle risposte avanzate dai profughi, non è stata aumentata la somma messa a loro disposizione quotidianamente per il trasporto, il telefono o le sigarette – spiega il sindaco Ettore Fusco – E’ stata confermata anche la condotta tenuta fino ad ora per l’approvazione o meno dello status di rifugiati politici. Chi non ha i requisiti, dovrà tornare in patria”. Non solo. “Dal Ministero sono anche arrivati suggerimenti su come i profughi potrebbero trascorrere il tempo – prosegue Fusco – con la documentazione in loro possesso possono dedicarsi, per esempio, al volontariato”.

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,617FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -