32 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

Array

«Guardami» la storia fotografica di diciassette persone recluse nella Casa circondariale di Monza

Ultimo aggiornamento il 14 Ottobre 2011 – 14:08

(mi-lorenteggio.com) Monza, 14 ottobre 2011 – «Guardami» è la storia fotografica di diciassette persone recluse nella Casa circondariale di Monza, raccontata attraverso oggetti a loro cari: libri, lettere, le foto dei figli, i regali
degli amici, il ricordo dei familiari.
I frammenti di vita fissati dagli scatti di Pistillo rimandano un mondo del tutto simile al nostro, fatto di amicizie, legami, passioni, sentimenti, paure, speranze e ricordi. Senza più sbarre e mura, senza pregiudizi e timori emergono solo i volti di diciassette vite, vicine e lontane a quella di ciascuno di noi.
«Vorremmo mostrare le storie delle persone che abitano le celle, degli uomini e delle donne che vivono in carcere – spiegano gli organizzatori della mostra – ma attraverso i loro volti ricercare anche le storie e le emozioni che abitano in ciascuno di noi. Per scoprire in fondo che siamo tutti prigionieri di qualcosa».

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -