24.1 C
Milano
martedì, Agosto 16, 2022

Proverbio: Alla Madonna di agosto (15 Agosto) si rinfresca il bosco. Per san Rocco (16 Agosto) la rondine fa fagotto

Array

Milano. Comune e Procura uniti contro i crimini informatici

Ultimo aggiornamento il 20 Novembre 2011 – 20:04

(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 novembre 2011 – La crescente diffusione di crimini informatici e le pesanti ripercussioni su cittadini e imprese hanno spinto il comune di Milano e la Procura della Repubblica a stringere un accordo di collaborazione per favorire lo scambio di competenze, informazioni ed esperienze già acquisite al fine incrementare la prevenzione e gestire i rischi.

"Oggi molti scambi economici avvengono attraverso l’ausilio di piattaforme informatiche e sono in aumento i reati e le frodi connessi. Imprese e cittadini sono ugualmente colpiti. Le imprese, in particolare, sono soggette a danni significativi e perdita di fiducia negli strumenti informatici. Per questo abbiamo deciso di approfondire e dare concretezza a una collaborazione già esistente. – Così l’Assessore al Lavoro e Sviluppo Economico Cristina Tajani commenta la partnership con la Procura della Repubblica – Solo con un’efficace collaborazione tra istituzioni è possibile dare risposte serie alle imprese e ai cittadini che ci chiedono più sicurezza e informazione per prevenire i reati informatici. Con la Procura stiamo infatti costruendo anche momenti informativi per spiegare a cittadini e imprese come difendersi".

L’obiettivo della collaborazione è realizzare un piano formativo, principalmente fondato sulla piattaforma di e-learning del Consorzio Interuniversitario Lombardo per l’Elaborazione Automatica CILEA, che prevede il coinvolgimento attivo di attori istituzionali qualificati: Polizia dello Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale del Comune di Milano; il coinvolgimento attivo delle cattedre delle materie forensi e delle materie non giuridiche interessate; l’interlocuzione attiva con i più importanti operatori di servizi avanzati e di mercato.

La Procura della Repubblica che dal 2004, anno dell’introduzione nel codice penale del reato informatico in senso stretto, gestisce un pool di magistrati e polizia giudiziaria specializzata, si è impegnata a farsi interlocutore in incontri con cittadini, educatori e scuole per la prevenzione e conoscenza dei più diffusi fenomeni del crimine informatico. Inoltre completerà la costruzione di un archivio culturale e tecnico a disposizione permanente delle imprese e dei cittadini e realizzerà incontri formativi e di confronto con le imprese. Con l’Amministrazione milanese verranno sviluppate in modo congiunto soluzioni di interesse comune in tema di contrasto al crimine informatico e dei relativi effetti turbativi del mercato, di individuazione di strumenti efficaci di recupero dei criminali e la disponibilità di istituire un fondo per le vittime dei reati informatici.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,616FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -