23 C
Milano
giovedì, Agosto 18, 2022

Proverbio: Di Settembre e di Agosto bevi vino vecchio e lascia stare il mosto

Array

Albairate. Parte la razionalizzazione dei piccoli comuni

Ultimo aggiornamento il 21 Novembre 2011 – 15:13

(mi-lorenteggio.com) Albairate, 21 novembre 2011 – Nell’Est Ticino le amministrazioni comunali discutono di gestione associata nel rispetto delle norme. L’occasione è stata offerta dal corso, curato dagli esperti Gianluca Bertagna e Augusto Sacchi, che si è svolto, martedì 15 novembre, nella sala consiliare del municipio di Albairate, cui hanno partecipato tecnici e politici del territorio rappresentanti 12 comuni: Albairate, Cassinetta di Lugagnano, Cisliano, Ozzero, Morimondo, Cusago, Corbetta, Ossona, Besate, Bernate Ticino, Vermezzo e Zelo Surrigone.

Il tema del corso è stato “La gestione associata delle funzioni fondamentali”, da attuare per legge entro il 31 dicembre 2011 in un’ottica di coordinamento della finanza pubblica e di contenimento delle spese.

Le funzioni fondamentali dei comuni (legge 5 maggio 2009, n. 42), devono essere obbligatoriamente esercitate in forma associata, attraverso convenzione o unione, da parte dei comuni con popolazione superiore a 1.000 e fino a 5.000 abitanti. È stato spiegato che le funzioni da associare obbligatoriamente riguardano: amministrazione, gestione e controllo; polizia locale; istruzione pubblica; viabilità e trasporti; territorio e ambiente; servizi sociali.

In generale per i partecipanti l’obiettivo della gestione associata è molto ambizioso ma anche difficile da realizzare entro la fine dell’anno. I comuni si stanno già confrontando per associare delle funzioni, come quelle che riguardano i servizi sociali ma bisognerà tenere conto delle forme di gestione consentite dalla legge che per esempio esclude i consorzi.

È poi emerso che, se non si procede all’associazione dei servizi nei termini previsti dalla legge, la norma, per ora, non prevede sanzioni dirette a parte le non trascurabili responsabilità di natura contabile con la Corte dei Conti. Con molta probabilità, però, la sanzione sarà introdotta con una delle prossime Manovre finanziarie che la congiuntura internazionale renderà obbligatorie. L’inerzia dei comuni potrebbe tradursi in un “taglio” dei trasferimenti statali.

Una cosa è certa: occorre agire in fretta attuando sinergie costruttive, anche perché il primo passo verso la razionalizzazione dei piccoli comuni è proprio la gestione associata obbligatoria dei servizi.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,617FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -