25.9 C
Milano
venerdì, Luglio 19, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Array

Lombardia. Caldaie, il portafoglio digitale aiuta i manutentori

(mi-lorenteggio.com) Bergamo, 30 luglio 2012 – Un "portafoglio digitale" che funziona proprio come un conto corrente on line e che permette di effettuare i pagamenti dovuti semplicemente collegandosi ad internet con grande risparmio di tempo e di adempimenti burocratici. E’ il nuovo strumento, presentato a Bergamo dall’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi, per aiutare i manutentori di caldaie nell’espletare le operazioni di saldo dei contributi dovuti a Comuni, Province e altri Enti.

UN VERO CONTO DIGITALE – Il funzionamento è semplice quanto innovativo. I manutentori, infatti, non dovranno più andare in posta e compilare centinaia di bollettini, perché il pagamento potrà essere effettuato utilizzando il portafoglio digitale sul quale, proprio come avviene con i conti corrente, è possibile pre-caricare (tramite home banking, sportelli bancari o con i circuiti Lottomatica e Sisal) le somme necessarie. Il credito, a manutenzione avvenuta, viene di volta in volta scalato. Semplifica ancora di più le operazioni la possibilità, con un unico versamento, di pagare i contributi dovuti a ogni Ente locale. Non più, dunque, un’operazione per ogni Istituzione, ma un saldo unico, che verrà poi gestito e ripartito. Ciò è possibile, perché sono state fissate tariffe uniche uguali in tutto il territorio. "In questo modo – ha detto Raimondi – semplifichiamo il lavoro degli operatori, che devono tenere sotto controllo lo stato di manutenzione degli impianti termici. E’ compito delle Istituzioni lavorare per snellire le procedure amministrative e cercare di ridurre al minimo la burocrazia. La sperimentazione va proprio in questa direzione e unisce la tutela dell’ambiente all’attenzione per i cittadini".

AL VIA DA UNA ZONA MOLTO ATTENTA A EFFICIENZA ENERGETICA – Il progetto, di durata annuale, parte dal 1 agosto, in via sperimentale, presso i Comuni di Milano e Bergamo e presso la Provincia di Bergamo. Al termine di questo periodo il sistema verrà reso disponibile per tutti gli Enti, con oltre 40.000 abitanti, che ne faranno richiesta. La scelta dell’area da dove partire con il test non è stata casuale: è quella infatti che si è maggiormente distinta per l’attenzione e l’efficacia del monitoraggio dell’efficienza energetica degli impianti termici. In modo particolare il Comune di Bergamo, nel corso delle ultime due stagioni invernali, ha registrato il 77 per cento di impianti presenti sul proprio territorio in regola con la trasmissione della dichiarazione di avvenuta e manutenzione. Tale incidenza per la Provincia di Bergamo raggiunge il 67 per cento.

UTILE ANCHE PER COMBATTERE INQUINAMENTO – "Davvero un’idea innovativa – ha concluso Raimondi – che ci permette di ottenere contemporaneamente un duplice risultato: rendendo più efficaci i controlli sulle caldaie, consente infatti di fare passi avanti nella lotta contro l’inquinamento atmosferico che, come sappiamo, è provocato per il 30 per cento proprio dalle emissioni degli impianti di riscaldamento".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -