27.3 C
Milano
giovedì, Luglio 25, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Array

Trezzano. La nuova sede dell’Associazione Nazionale Carabinieri sarà intitolata a Salvatore Nuvoletta

Domenica 23 Settembre 2012 alle ore16, si inaugura a Trezzano sul Naviglio in via Pitagora n.3, la nuova sede dell’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI, sede che sarà intitolata ad un giovane Carabiniere eroe appena 20 enne.
I locali sono stati messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale, trattasi di vani che sono stati requisiti alla malavita organizzata trezzanese.
Già questo ha un grande valore simbolico per la nostra città, ma per dare ancora più significato si é scelto di intitolare la nuova associazione al carabiniere "Salvatore Nuvoletta", Medaglia d’Oro al Valore civile. La medaglia d’oro al merito
civile gli fu conferita nel 1982  con la seguente motivazione:
“In servizio presso una stazione carabinieri operante in territorio
Caratterizzato da elevato indice criminale, veniva proditoriamente ucciso, innanzi all’esercizio commerciale di un familiare, da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosigli contro componenti di agguerrita organizzazione camorristica, quale vile ritorsione all’attività di contrasto svolta dall’arma. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio ed eccezionale senso di Abnegazione, posta al servizio della collettività”.

La vicenda di un eroe di 20-anni
"So di dover morire, me lo hanno detto ma non ho paura, io sono un carabiniere”.
Siamo in una delle principali strade a Marano, cittadina sul confine Nord-Est di Napoli, Salvatore è un carabiniere fuori servizio ed in abiti civili, sta seduto con un bambino di 9 anni sulle ginocchia di fronte all’esercizio commerciale di un parente, quando viene chiamato per nome e cognome: “Salvatore Nuvoletta”?
Una chiamata che induce il carabiniere, appena ventenne, a distaccare precipitosamente il bambino che aveva in braccio, sua primaria preoccupazione fu quella di salvaguardare l’incolumità del bambino (Bruno D’Aria, classe 73’), in un frangente di tempo lo sollevò e lo scaraventò letteralmente sul marciapiede, lontano dal pericolo, e lui purtroppo fu vittima di una morte fredda e crudele per mano, di tre criminali camorristi, che gli sparano al corpo al volto ed infine, quando il giovane carabiniere si accasciò a terra, dandogli un colpo di grazia a confermare la condanna a morte: “…per soddisfare la pulsione ritorsiva”, è scritto negli atti del processo.
La vendetta camorristica era successiva ad un conflitto a fuoco tra militi ed esponenti della “Nuova Famiglia”, nel corso del quale fu ucciso Mario Schiavone capo della consorteria criminale collegata al “Clan dei Casalesi”.
L’attività di contrasto era avvenuta 13 giorni prima, in data 21 giugno 1982, nel paese vicino, Casal di Principe, dove Salvatore Nuvoletta era assegnato alla locale stazione dei carabinieri.
Questo bastava. Poco contava, che quel giorno il milite fosse di riposo settimanale, come risultò dal processo, serviva
un capro espiatorio. La turpe malvagità camorrista è la stessa che ha assassinato nel 1994, in sacrestia, don Peppe Diana, il
il parroco di Casal di Principe.

PROGRAMMA

Domenica 23 Settembre 2012
INAUGURAZIONE SEDE ANC
“Salvatore Nuvoletta”
-Programma-
 Ore 15,45 – arrivo Autorità
 Ore 16, 00 – alzabandiera
 Ore 16,15 – benedizione della Sezione
da parte dei Parroci cittadini
 Ore 18,00 – Santa Messa presso la
chiesa Sant’Ambrogio (Via Rimembranze)
 18,50 – deposizione di una corona di
alloro al Monumento dei Caduti
 Ore 19,30 rinfresco nei locali del centro
Parrocchiale Sant’Ambrogio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -