22.4 C
Milano
sabato, Luglio 20, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Array

Lombardia. Monza, casa ‘sicura’ grazie al patto salva mutui

(mi-lorenteggio.com) Monza, 20 settembre 2012 – In un periodo di crisi, dove le famiglie fanno fatica a pagare le rate del mutuo e le giovani coppie ad acquistare la prima casa, Regione Lombardia mette in campo un pacchetto di misure ad hoc. Le ha ricordate l’assessore alla Casa Domenico Zambetti, incontrando, all’Urban Center, i rappresentanti degli Enti locali e delle associazioni degli inquilini.

MUTUI SICURI – Il grande quadro di riferimento dei nuovi strumenti è il Patto per la casa, uno strumento innovativo che, in soli sette mesi, ha favorito "l’incontro" fra le richieste dei cittadini e le risposte delle istituzioni. In questo contesto si inserisce il ‘Patto Salva Mutui’. Attraverso l’accordo con Banca Intesa è possibile sospendere o rimodulare il mutuo, senza dover lasciare l’alloggio. Attraverso l’accordo con Unicredit, chi ha stipulato il mutuo con le Società del Gruppo e si trova in momentanea difficoltà, può vendere il proprio alloggio a UniCredit Credit Management Immobiliare, saldare il debito residuo con i proventi della vendita, e, contemporaneamente, stipulare un contratto di locazione a un canone sostenibile, con la possibilità di successivo riacquisto dell’alloggio, una volta superate le difficoltà economiche e finanziarie.

LE GIOVANI COPPIE – "A queste misure – ha spiegato l’assessore – ne abbiamo affiancata una specificatamente pensata per le giovani coppie under 35, che si sposano entro il 31 maggio 2013. Costoro, se hanno un reddito Isee compreso tra 9.000 e 35.000 euro, potranno fruire dell’abbattimento di 2 punti percentuali del tasso di interesse del mutuo per i primi 5 anni". Regione Lombardia ha finanziato questa misura con 5 milioni di euro. "Siamo sicuri che sia un provvedimento importante – ha aggiunto Zambetti – visto che a Monza, tra il 2009 e il 2010, ne hanno beneficiato 606 nuove famiglie, alle quali sono stati erogati di 3,6 milioni di euro".

GLI ALTRI INTERVENTI – Non è tutto. Le politiche regionali devono infatti tenere conto del contesto assai diverso in cui devono inserirsi. Il numero delle famiglie, ad esempio, è passato dai 3,6 milioni del 2001 ai 4,3 del 2011, con un aumento della cosiddetta ‘fascia grigia’ (cioè di chi fa fatica a pagare mutuo o affitto). Sono cresciute anche le domande di alloggi in affitto e, contemporaneamente, gli sfratti sono passati dai 4.666 del 2001 ai 12.511 del 2010. "A questi dati – ha continuato l’assessore – Regione Lombardia ha prontamente risposto con misure concrete come il Fondo per il sostegno abitativo ai cittadini con disagio acuto e il contributo straordinario alla locazione". Nello specifico, in provincia di Monza, per quanto riguarda il sostegno all’affitto, Regione Lombardia ha finanziato, dal 2009 al 2011, 14.611 domande, con 12 milioni di euro. I cittadini licenziati o in mobilità possono richiedere invece un contributo straordinario di 1.500 euro, che diventano 2.000 per quanti sono sottoposti a procedura di sfratto esecutivo. A disposizione ci sono ancora 4,9 milioni. "Si tratta di una misura – ha sintetizzato Zambetti – che funziona: in provincia di Monza, infatti, dal 2009 a oggi, abbiamo registrato 313 domande, con un’erogazione totale di fondi pari a 496.500 euro".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -