25.8 C
Milano
sabato, Luglio 20, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Array

Legnano. Valutazione di impatto ambientale per l’insediamento sull’ex Cromos

(mi-lorenteggio.com) Legnano, 14 maggio 2015 – La politica urbanistica dell’Amministrazione comunale di Legnano ha ottenuto recentemente un importante risultato con la decisione di Regione Lombardia di assoggettare a VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) il progetto di insediamenti commerciali sull’area ex Cromos compresa tra via Barbara Melzi e la Saronnese, sul territorio comunale di Cerro Maggiore. Sono state infatti accettate tutte le questioni poste più volte da Legnano nelle diverse fasi del procedimento e le criticità segnalate nel merito degli aspetti viabilistici, di traffico, ambientali e di contaminazione del sito.
Cosa succederà ora? I proponenti dovranno dare “puntuale e dettagliato riscontro” alle criticità e alle carenze evidenziate con uno studio di impatto ambientale. In particolare, solo per citare gli aspetti più rilevanti: occorrerà attendere l’esito del monitoraggio della falda per stabilire le azioni di contenimento/bonifica; verificare le soluzioni progettuali di sistemazione della viabilità, unitamente all’effettuazione di nuove rilevazioni del traffico. Nelle verifiche degli scenari futuri non potranno evidentemente essere escluse le implicazioni poste dall’eventuale insediamento IKEA.
Proprio nel merito della vicenda IKEA, l’Amministrazione comunale di Legnano non può ignorare la recente decisione del TAR Lombardia di rinviare la discussione del ricorso alla prima udienza di gennaio 2016 avendo accolto le richieste in tal senso formulate da Regione Lombardia e dal Comune di Cerro Maggiore, richieste alle quali il Comune di Legnano si era opposto.
«In tempi recenti – commenta l’assessore alla Gestione del Territorio Antonio Ferrè – a qualcuno è sorto il dubbio che l’operato dell’Amministrazione comunale di Legnano, rispetto a questo progetto, sia stato controproducente e negativo per le eventuali ricadute sulla città. Tutt’altro! La difficoltà delle controparti di districarsi nella vicenda, celata nella richiesta di rinvio, e l’incapacità di chiudere la procedura VAS (Valutazione Ambientale Strategica) avvalora la bontà del lavoro svolto e la fondatezza delle questioni sollevate. Azioni che testimoniano la volontà e la capacità di essere interlocutori autorevoli in grado di mettere in atto gli opportuni interventi e le pertinenti valutazioni a tutela del territorio e della città di Legnano senza scadere in deboli prese di posizione pregiudiziali. In chiusura voglio ribadire che la nostra non è una modalità di lavoro pregiudiziale, che non affronta i problemi in modo strumentale e per convenienza politica, ma entra nel merito dei contenuti e valuta i progetti nella loro complessità con l’obiettivo non solo della tutela del territorio ma anche di concorrere a qualificare le proposte e gli investimenti in senso positivo».

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -