28.4 C
Milano
domenica, Luglio 21, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Array

LOMBARDIA. VIOLENZA SULLE DONNE, BRIANZA: FENOMENO ODIOSO CHE VA CONTRASTATO

(mi-lorenteggio.com) Milano, 22 novembre 2016 – "Questa settimana e’ dedicata interamente al contrasto alla violenza sulle donne, che trovera’ il suo culmine venerdi’ 25 novembre, giornata nella quale a Palazzo Lombardia si terra’ un convegno dal titolo ‘La cultura del rispetto nello sport’. Per contrastare questo fenomeno e offrire strumenti concreti ed efficaci e’ necessario che tutte le istituzioni lavorino insieme facendo rete". Lo ha detto l’assessore regionale al Reddito di autonomia e Inclusione sociale Francesca Brianza, nel corso del suo intervento al convegno "Il ruolo delle Forze dell’ordine per prevenire e contrastare la violenza contro le donne", oggi a Palazzo Lombardia. All’incontro erano presenti anche il Prefetto di Milano Alessandro Marangoni e il Questore Antonio De Iesu.

ASPETTO IMPRESCINDIBILE – "Il supporto che possono offrire le Forze dell’ordine – ha proseguito l’assessore – e’ per noi un aspetto imprescindibile e fondamentale perche’ una donna, vittima di violenza, puo’ approdare in un ospedale, in centro anti violenza o direttamente in una questura o in una caserma dei carabinieri. In quest’ottica, e’ necessario che chi viene a contatto con queste donne, abbia un approccio e una preparazione specifica oltre ad una maggiore sensibilita’ perche’ la situazione stessa lo richiede".

IL CONCETTO DI RETE – L’impegno di tutti deve essere a 360 gradi – ha auspicato Brianza – purtroppo i numeri che registriamo a livello nazionale sono ancora molto elevati ed anche a livello regionale non fanno eccezione: 31 per cento di donne tra i 16 e i 70 anni hanno subito una qualche forma di violenza".

I NUMERI – "In Lombardia – specifica Brianza – le donne che si avvicinano ai Centri anti violenza sono state 3.950 nel 2015, circa 400 in piu’ rispetto al 2014 e, nel 2016, siamo, ad oggi, gia’ a 3.700 donne, 400 in piu’ rispetto al 2014. Questi dati -continua – sono il frutto della emersione del fenomeno e ci auguriamo che oggi, una donna, si senta piu’ libera, protetta e tutelata nel denunciare una situazione di violenza confidando nel supporto di una rete territoriale che la accolga e la affranchi regalandole un nuovo futuro".

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE – "La formazione per noi e’ qualcosa di imprescindibile – ha chiosato l’assessore -. Motivo per cui abbiamo messo in campo tante misure e tante forme di collaborazione. A breve – ha annunciato – partira’ un progetto che impegna Regione Lombardia al fianco delle Forze dell’ordine e dell’Ordine degli avvocati attraverso la sottoscrizione di appositi protocolli. Vogliamo che ci siano operatori formati, pronti ad accogliere le donne che cercano aiuto e che sappiano indicare loro quali strumenti hanno a disposizione per poter avviare questo percorso. Auspico un ulteriore slancio da parte delle Istituzioni, degli enti locali, della Forze dell’ordine, delle associazioni, dei vari ordini, dei medici, avvocati, psicologi, dei magistrati; un impegno comune e condiviso – ha concluso l’assessore Brianza – perche’ questo fenomeno odioso della violenza sulle donne, venga prima portato alla luce e poi contrastato con forza ed efficacia".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -