23.5 C
Milano
venerdì, Maggio 20, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

LOMBARDIA. INQUINAMENTO ACQUE SOTTERRANEE, TERZI: OK A MISURE DI RISANAMENTO

Ultimo aggiornamento il 24 Giugno 2017 – 16:14

Milano, 24 giugno 2017 – "Contrastare l’inquinamento diffuso delle acque sotterranee, dovuto all’apporto di sostanze per le quali non e’ piu’ possibile risalire all’origine". Questi, spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Claudia Terzi, gli obiettivi della delibera di Giunta che approva le misure di risanamento dell’inquinamento diffuso delle acque sotterranee nell’area Nord Est milanese comprendente i Comuni di Brugherio, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Milano, Monza, Nova Milanese e Sesto San Giovanni. Per la gestione dell’inquinamento diffuso dell’area Regione ha istituito un Tavolo tecnico composto dai rappresentanti della Regione, della Citta’ Metropolitana di Milano, della Provincia di Monza Brianza, dei Comuni interessati, di Arpa, di Ats e dei gestori di acquedotto.

PRIMI NEL PAESE – "La Regione Lombardia – spiega l’assessore Terzi – e’ la prima regione in Italia ad adottare misure concrete per l’inquinamento diffuso e l’interesse suscitato dalle altre regioni per le nostre azioni e’ la dimostrazione concreta che ancora una volta le buone pratiche di Regione Lombardia fanno scuola".

INTERESSE EUROPEO – "La Comunita’ europea – ricorda Claudia Terzi – ha dimostrato grande interesse verso le tematiche dell’inquinamento diffuso. Recentemente, nell’ambito del programma ‘Interreg Central Europe’, ha finanziato il progetto ‘Amiiga’ che si concentrera’ sull’individuazione di strategie integrate per la valutazione, bonifica e gestione di acque sotterranee contaminate. In questo ambito, potremo confrontarci con i partner coinvolti, di 7 nazionalita’, portando in dote la nostra esperienza ed estendere le elaborazioni sull’inquinamento diffuso all’area a nord-ovest di Milano". GLI OBIETTIVI – "Le misure – sottolinea l’assessore – sono volte alla tutela delle acque stesse e a prevenire potenziali pericoli per la salute umana e rendere piu’ fattibili i procedimenti di bonifica delle acque sotterranee nelle zone interessate da inquinamento diffuso. Si definiscono, quindi, specifiche concentrazioni di solventi da raggiungere con gli interventi di bonifica, di quest’area, compatibili con la salvaguardia della salute dell’ambiente".

LE MISURE IN SINTESI – In sintesi, le nuove misure che prevedono anche il potenziamento di quelle gia’ in corso: aumento dei punti di monitoraggio e della frequenza del monitoraggio; ricerca delle fonti d’inquinamento da solventi clorurati per intervenire con opere di messa in sicurezza e bonifica dell’area; valutazione, insieme agli Enti locali, dell’avanzamento delle attivita’ di bonifica in corso nei siti contaminati da solventi, per definire la correttezza e l’efficienza degli interventi e la realizzazione di eventuali lavori sostitutivi in caso d’inadempienza dei soggetti coinvolti; finanziamento di azioni sperimentali per realizzare interventi di bonifica sostenibile dei solventi in falda.

SOGGETTI DESTINATARI – Soggetti destinatari della manovra sono: Direzioni regionali Ambiente, Agricoltura, Territorio e Welfare, Province (Monza Brianza e Citta’ Metropolitana di Milano), Comuni dell’area interessata, Arpa e Dipartimenti Arpa, Ats, gestori del servizio di acquedotto, soggetti obbligati alla bonifica, responsabili degli usi delle acque sotterranee interessate, cittadini residenti o che comunque sono presenti nell’area per svariati motivi.

IMPATTO TERRITORIALE – "Le misure di risanamento dell’inquinamento diffuso delle acque sotterranee – precisa la titolare lombarda all’Ambiente – comprendono interventi volti a migliorare la qualita’ delle acque stesse, consentendo, tra l’altro, il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla direttiva quadro in materia di acque".

MONITORARE IL TERRITORIO – "Vogliamo – conclude l’assessore Terzi – tenere monitorato il nostro territorio e controllare l’evoluzione nel tempo e nello spazio dell’inquinamento, con la possibilita’ di assumere, nell’immediatezza, azioni idonee a tutela del territorio stesso. La qualita’ delle acque potabili e’ del tutto garantita e il nostro obiettivo e’ quello di prevenire potenziali pericoli per la salute anche grazie al coinvolgimento degli Enti e dei Soggetti interessati".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -