12.6 C
Milano
sabato, Novembre 26, 2022

Proverbio: Acqua cheta rompe i ponti

Array

Trezzano. In RiMaflow incontro solidale per la Palestina – partecipa MONI OVADIA

TESTIMONIANZE DI VITA QUOTIDIANA
LO STATO DEI DIRITTI UMANI

Ingresso libero


SARANNO PRESENTI:

MUHANNED QAFISHI
Giornalista sportivo e responsabile comunicazione di
Youth Against Settlements (YAS) di Hebron

ABED AMRO
Lavoratore edile e videomaker. Volontario (YAS)

MONI OVADIA
"Sostenere i diritti dei palestinesi è precondizione
per ogni trattativa che porti alla pace"

ASSOPACE PALESTINA e RETE della PACE stanno portando avanti la campagna OPEN SHUHADA STREET, iniziativa internazionale e non violenta contro le misure di restrizione e separazione imposta dal governo israeliano ai palestinesi

della città di Hebron e in tutta la Palestina.
La città palestinese di Hebron- Al Khalil nel cuore della Cisgiordania occupata militarmente da Israele, è il simbolo delle discriminazioni e delle violazioni dei diritti umani causate dalla presenza di insediamenti israeliani illegali in Palestina. Agli abitanti palestinesi di Hebron viene negata la libertà di movimento e il diritto di transitare in intere zone della città, per lasciare liberi dalla presenza palestinese gli oltre 800 coloni che vivono nella città vecchia protetti dall’esercito israeliano.
Ad Hebron, è vietato ai palestinesi anche l’ingresso a Shuhada Street, un tempo cuore economico e sociale della città, oggi strada deserta e chiusa da checkpoint.

Solo i coloni possono transitare.
La Campagna Internazionale Open Shuhada Street coinvolge ogni anno attivisti e organizzazioni umanitarie in tutto il mondo per chiedere: il rispetto del diritto internazionale e la riapertura di Shuhada Street.



ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -