19.2 C
Milano
martedì, Maggio 24, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

LA BELLEZZA DEI FIORI – Una mostra in Statale per incontrare la cultura dei fiori nelle società umane antiche e moderne

Ultimo aggiornamento il 4 Maggio 2018 – 14:04

Milano, 4 maggio 2018 – Dal loto bianco e blu dell’Egitto faraonico, al loto rosa dell’India, alla rosa di Afrodite degli antichi greci, al crisantemo e al fiore di ciliegio dei samurai e, ai giorni nostri, alle decorazioni floreali nel liberty e nell’opera lirica sono alcune delle testimonianze che la cultura dei fiori, associata a simbologie diverse, ha permeato tutte le società umane. La cultura dei fiori esiste fin dalle più remote antichità della nostra storia di uomini, dai nomadi cacciatori-raccoglitori di 100.000 anni fa fino ai nostri giorni. Ma cosa ci attrae nei fiori? Il colore, il profumo, la forma o, oltre a tutte queste cose, qualcosa che va oltre: la bellezza. I fiori rappresentano il bisogno di bellezza che caratterizza la nostra specie: noi uomini non possiamo fare a meno dell’esperienza della bellezza in ogni nostra attività, nel lavoro, nella vita familiare, nella vita sociale, nelle espressioni culturali. E l’esperienza della bellezza si associa alla creatività umana, nella pittura, nella scultura, nella musica, nella letteratura, nel mito e in tutte le diverse forme e usi delle decorazioni floreali presenti in tante civiltà antiche e moderne. La mostra “La bellezza dei fiori” è l’occasione non solo di conoscere le diverse forme in cui la cultura dei fiori si è espressa nelle civiltà umane antiche e moderne, dall’oriente all’occidente, ma anche di sperimentare quanto il bisogno di bellezza, rappresentato dai fiori, è profondamente inscritto nel cuore di noi uomini di tutti i tempi.

“Un giorno, nell’antica Grecia, un filosofo cinico incontra una giovane e avvenente fioraia. Le si avvicina e le domanda bruscamente: “A che servono i tuoi fiori?”. La fanciulla affonda il viso in un gran mazzo di fiori, ne aspira voluttuosamente il profumo e risponde:” Sono belli!”.
Aneddoto del matematico Luigi Campedelli (1903-1978)

La mostra è stata ideata e realizzata da: Marina Castoldi, Maria Antonietta Crippa, Fiorenza De Bernardi, Umberto Fascio, Claudio Gallazzi, Rossella Menegazzo, Cinzia Pieruccini, Filippo Pizzoni, Carlo Soave.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -