23.1 C
Milano
lunedì, Maggio 16, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Piano City Milano e Croce Rossa di Milano aprono alla città le porte del Centro di accoglienza di via Corelli

Ultimo aggiornamento il 18 Maggio 2018 – 11:46

(mi-lorenteggio.com) Milano, 18 maggio 2018 – La musica di Piano City Milano entra per la prima volta tra le mura del Centro di accoglienza di via Corelli grazie alla collaborazione con la Croce Rossa di Milano. Domenica 20 maggio alle 11 l’ex Caserma Mancini ospita il concerto di Manuel Magrini, giovane ed eclettico talento del pianoforte che suonerà alcuni dei  brani che hanno fatto la storia della musica pop italiana e internazionale.

Un evento che unisce i cittadini milanesi, i richiedenti asilo ospiti del centro e i volontari della Croce Rossa, creando una nuova occasione di incontro e di conoscenza reciproca; nel solco ancora una volta dello spirito di accoglienza che caratterizza Milano.

Milano affronta il tema dell’accoglienza con la sua indole aperta e globale, come laboratorio di integrazione in continua evoluzione. Piano City Milano 2018 interpreta questa vocazione allargando la sua offerta musicale a un pubblico sempre più vasto, con un’attenzione particolare al tema dei diritti e dell’inclusione sociale.

Secondo Luigi Maraghini Garrone, presidente della Croce Rossa di Milano, accoglienza significa infatti “favorire l’interazione tra la popolazione e i richiedenti asilo, attraverso per esempio l’organizzazione di percorsi di conoscenza della città e la partecipazione a iniziative di volontariato cittadino. Piano City Milano – prosegue il presidente Maraghini Garrone – e il concerto nel nostro CAS hanno esattamente questo significato: una prima occasione di incontro e condivisione di valori ed esperienze”.

Il Centro di Accoglienza, aperto nel 2016, ospita un gran numero di richiedenti asilo a cui vengono garantiti non solo i servizi primari, come vitto e alloggio, ma anche l’assistenza medica e il supporto legale in tutto l’iter giuridico finalizzato all’ottenimento di una forma di protezione. Tenuto conto dell’esperienza traumatica e delle difficoltà di inserimento, è inoltre fondamentale la presenza di figure professionali come lo psicologo e l’assistente sociale.

Indispensabile è inoltre l’apprendimento della lingua e della cultura italiana. Nel centro è presente una scuola, frequentata ogni giorno dagli ospiti, le cui classi, gestite da insegnanti qualificati, prevedono una serie di percorsi diversificati. Una volta raggiunta una discreta autonomia linguistica, gli ospiti vengono avviati a iter formativi professionalizzanti, per favorirne l’inclusione nel tessuto sociale.

Ingresso con prenotazione obbligatoria sul sito pianocitymilano.it/programma

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -