23.5 C
Milano
venerdì, Maggio 20, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

FRANA DEL GALLIVAGGIO (SO), PRESIDENTE: VOGLIAMO APRIRE BYPASS STRADALE ENTRO META’ LUGLIO

Ultimo aggiornamento il 3 Giugno 2018 – 10:07

Sondrio, 03 giugno 2018 – Arrivare all’apertura del bypass stradale entro meta’ luglio cosi’ da accelerare i lavori di messa in sicurezza della zona colpita dalla frana. Questo, in sintesi, il principale obiettivo che il presidente della Regione Lombardia, accompagnato dagli assessori agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni e al Territorio e Protezione civile, ha condiviso con prefetto e questore di Sondrio, comandante provinciale dei Carabinieri ed i rappresentanti territoriali di Anas, Terna, A2A, Croce Rossa, Areu, Vigili del Fuoco, durante la riunione operativa che si e’ svolta in Prefettura ieri per fare il punto sulla frana del Gallivaggio.
UN GRAZIE SPECIALE A CHI HA LAVORATO SENZA SOSTA – Il presidente ha acquisito anche le informazioni sulla gestione dell’emergenza frana e sulle possibili scelte tecniche per la messa in sicurezza e ripristino completo dell’area. Dopo aver ringraziato tutti gli attori coinvolti per l’efficienza e la solidarieta’ dimostrate in questo frangente, ha esortato a proseguire con la stessa determinazione per terminare tutte le opere.
DICHIARAZIONE STATO DI EMERGENZA STEP FONDAMENTALE – "Lo stato di emergenza deliberato dal Governo ci consente di operare con maggiore celerita’. Regione Lombardia – ha detto il presidente – fin dall’inizio ha messo a disposizione energie e contributi economici consistenti che possono gia’ essere spesi. Il nuovo Governo e’ stato efficientissimo. Il lavoro di squadra sin qui svolto e’ davanti agli occhi di tutto e ha prodotto risultati in tempi record, come evidenzia la risposta positiva alla richiesta di stato d’emergenza. Ci impegneremo affinche’ si mantengano queste tempistiche e che entro meta’ luglio possa essere pronta la nuova strada bypass di accesso temporaneo". Il progetto e’ gia’ stato predisposto, martedi’ 5 giugno si terra’ la Conferenza dei Servizi attraverso la quale saranno acquisiti i pareri e le autorizzazioni necessarie. I tempi di realizzazione previsti per il completamento del bypass sono di circa 45 giorni, con piu’ cantieri attivi contemporaneamente. Il progetto e’ gia’ stato predisposto, martedi’ 5 giugno si terra’ la Conferenza dei Servizi attraverso la quale saranno acquisiti i pareri e le autorizzazioni necessarie. I tempi di realizzazione previsti per il completamento del bypass sono di circa 45 giorni, con piu’ cantieri attivi contemporaneamente.
GLI ENTI COINVOLTI – Numerosi gli enti coinvolti che hanno lavorato incessantemente, i tre Comuni, San Giacomo Filippo, Campodolcino e Madesimo, la Comunita’ Montana della Val Chiavenna, la Provincia di Sondrio ed il Dipartimento di Protezione Civile. Ed ancora ARPA e AREU, e le imprese che hanno lavorato su un fronte di frana attivo in condizioni proibitive e difficilissime, i volontari di protezione civile, gli agenti della Polizia Locale e il personale ANAS che ha assicurato la vigilanza h24 sui blocchi stradali.
Soddisfazione per il risultato ottenuto con la dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Governo e’ stata espressa anche dagli assessori agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni e al Territorio e Protezione civile che hanno esortato a ‘non abbassare la guardia’.
ASSESSORE PROTEZIONE CIVILE, AVANTI CON SENSO DI RESPONSABILITA’ – "La situazione e’ un po’ meno complessa. Non bisogna pero’ – ha detto l’assessore alla Protezione civile – abbassare la guardia, poiche’ questo e’ il momento del rush finale. Ora tutti devono avere senso di responsabilita’ nei confronti delle popolazioni e delle realta’ produttive del territorio anche per l’avvicinarsi della stagione turistica".
ASSESSORE AL TERRITORIO – "E’ stata data sinora una grande dimostrazione di solidarieta’ da parte di questo territorio. Abbiamo spinto per la realizzazione della pista alternativa ed e’ altrettanto importante la messa in sicurezza del versante e la pulitura del vallo. L’obiettivo – ha concluso l’assessore alla Montagna – e’ anche salvaguardare le attivita’ produttive ed il fattore tempo e’ in questo senso fondamentale. Queste sono le linee sulle quali ci stiamo muovendo".
Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -