4.6 C
Milano
martedì, Gennaio 31, 2023

Il 29, 30 e 31 Gennaio i Giorni della Merla

Raccolta straordinaria di indumenti alla Casa della carità

Sabato 19 gennaio, dalle 9 alle 18 in via Francesco Brambilla, 10

 

(mi-Lorenteggio.com) Milano, 17 gennaio 2019 – Sono più di 1.300 le persone che nel 2018 hanno utilizzato il servizio docce e guardaroba della Casa della carità, aperto ogni martedì, giovedì e venerdì pomeriggio. Sono soprattutto uomini, in molti casi anche giovani, che vivono per strada, in insediamenti precari o in edifici dismessi, oppure in stanze o appartamenti spesso non dotati di acqua corrente.

Per poter offrire a tutti un adeguato vestiario, anche per far fronte alle temperature invernali, la Casa ha organizzato per sabato 19 gennaio, dalle 9 alle 18, una giornata di raccolta straordinaria di indumenti, nella sua sede di via Brambilla 10. Chi non riuscisse a partecipare sabato, può consegnare le donazioni di abiti ogni lunedì dalle 9.30 alle 12 e dalle 14 alle 17. Per maggiori informazioni: relazione@casadellacarita.org

“Per garantire un cambio caldo e pulito a tutti gli ospiti, abbiamo soprattutto bisogno di indumenti invernali da uomo in buone condizioni: pantaloni, magliette e maglioni, felpe, scarpe, giacconi, guanti, sciarpe e berretti; ma anche coperte, sacchi a pelo e zaini. Inoltre sono gradite donazioni di indumenti intimi nuovi”, spiega Ciro Di Guida, responsabile del servizio docce e guardaroba della Casa.
Dalla fine del 2017 è stato costante l’aumento di quanti si rivolgono alla Casa della carità per fare una doccia calda e avere un cambio d’abito e di biancheria intima. Nel 2018 i numeri sono ulteriormente cresciuti, con un aumento del 17% delle persone che hanno fatto almeno una doccia nel corso dell’anno (1.369, rispetto alle 1.171 dell’anno precedente) e con un 60% in più delle docce erogate, passate da 5.460 a 8.730.
“Le docce e il guardaroba della Casa non sono solo un sevizio di prima accoglienza; sono un modo per garantire dignità e per instaurare una relazione con quelle persone in difficoltà che purtroppo in alcuni casi non abbiamo la possibilità di accogliere”, afferma il presidente della Fondazione, don Virginio Colmegna.
E infatti all’offerta di una doccia calda e di un cambio d’abiti, gli operatori e i volontari hanno organizzato una serie di iniziative per coinvolgere gli ospiti: dalle sfide a calcio balilla al cineforum quindicinale, dall’ideazione e messa in scena di uno spettacolo teatrale all’arte terapia, fino all’allestimento una mostra di fotografie realizzate dai ragazzi stessi.
“Oltre a essere un modo per ‘arredare l’attesa’, tutte queste attività hanno lo scopo di rafforzare il legame con le persone che si rivolgono a noi e intercettare i loro problemi e necessità. Ognuno di loro ha infatti una storia particolare e spesso, oltre alla doccia, hanno bisogno prima di tutto di ascolto”, conclude Ciro.

 

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img