4.5 C
Milano
venerdì, Dicembre 2, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Lombardia: nel 2018 più occupazione nell’industria e nelle costruzioni

Sono i due settori che registrano saldi positivi e più alti tra avviamenti e cessazioni nel 2018. È quanto emerge dall’analisi compiuta da PoliS-Lombardia sui dati ricavati dalle comunicazioni obbligatorie dei datori di lavoro rilasciate alle Province e raccolti dalla Regione. In crescita, con quasi 52.000 casi, le trasformazioni dei contratti a tempo indeterminato

(mi-lorenteggio.com) Milano, 1° maggio 2019 – Nel 2018 sono stati 1.589.000 gli avviamenti al lavoro in aziende o unità locali d’imprese con sede in Lombardia: è quanto emerge da un’analisi compiuta da PoliS-Lombardia sulle comunicazione obbligatorie dei datori di lavoro inserite nei sistemi informatici delle Province e raccolti dalla Regione.
Gli avviamenti nel 2017 erano stati 1.500.131, mentre le cessazioni 1.378.432, contro il 1.521.000 del 2018. Nello studio eseguito da PoliS-Lombardia sono stati esclusi i contratti di durata giornaliera, circa 380.000 nel 2018. Tra gli avviati, il 44,1% sono donne.
In particolare sono l’industria e le costruzioni che registrano i saldi più positivi e alti rispetto al 2017, con, rispettivamente un + 36,2% e un + 22,4%. In flessione il settore, storicamente più dinamico, dell’agricoltura, dove, a fronte di un aumento del 5,4% degli avviamenti rispetto allo stesso periodo del 2017, si registrano però cessazioni per il 34,7%, con un calo degli addetti di 2.479 unità. Positivo il settore commercio e servizi, con una crescita di 47.755 occupati, anche se il saldo è in flessione, -51,2%, rispetto all’anno precedente.

I saldi in crescita riguardano soprattutto le province di Pavia, Lodi e Cremona. Le altre registrano un segno più, ma con valori più bassi rispetto al 2017. L’industria con il 18,3% risulta il settore a più forte dinamica del mercato, anche se sono i servizi, con il 72,7% a guidare la classifica degli avviamenti.
A livello territoriale, l’industria costituisce il 34,6% delle nuove occupazioni nel territorio di Lecco, il 28,8% a Bergamo, il 30% a Brescia e il 23% a Varese.
Rispetto alla tipologia di contratto, il saldo negativo (-37.374) degli avviamenti a tempo indeterminato (che sono stati 355.078, cioè il 22% del totale) viene compensato dalla crescita delle trasformazioni dei contratti da termine a indeterminato (+51.734). Infatti nel 2018 le trasformazioni sono state 95.444, mentre nel 2017 erano state 43.710.
Gli avviamenti che richiedono qualifiche alte e, di norma, titoli di studio universitari o post secondari sono stati il 21%, mentre il 30% è avvenuto per professioni a bassa qualifica.

 

Su circa 1.200.000 persone avviate al lavoro nel 2018 (alcune due o più volte durante l’anno, escludendo i 380.000 con un contratto giornaliero), il 74,4% sono italiani, il 19,8% extracomunitari e il 5,4% stranieri del territorio UE. La distribuzione complessiva è invariata tra il 2017 e il 2018, anche se si registra una crescita del 6,2% di italiani, del 9,3% di extracomunitari e dell’1,7% di comunitari.

Sono i giovani ad avere il maggior numero di avviamenti annuali: il 51,4% del totale ha meno di 34 anni. Anche se trovano occupazione per periodi più brevi e con contratti meno stabili. Gli over 50 sono il 15% della movimentazione del mercato.

 

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

1 commento

  1. La Lombardia si conferma locomotiva d’Italia. L’analisi di PoliS-Lombardia permette di avere una spaccato sull’andamento del lavoro anche nel primo quadrimestre del 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -